.
Annunci online

Ebooks di "Neo-Machiavelli" in italiano, (PiresPortugal in altre lingue) TIL=Time is Life=Tempo è Vita: Intelligenza, Creatività, Emozione, Informazione, Cultura e Volontariato (Italian Edition) Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.

 

 

Merken

 

Merken

CULTURA
24 ottobre 2007
Civiltà Islamica e globale contro il terrorismo e violenza in nome della religione, (UCOII)

UCOII, Unione delle Comunità ed Organizzazioni Islamiche in Italia, ha pubblicato un documento "Contro il terrorismo", con molte idee de civiltà universale e di tutte religioni che secondo me meritano divulgazione. Segue la mia selezione delle prinicpali:

“• Affinché non s’interrompa irrimediabilmente un’apprezzabile prassi di convivenza e di dialogo tra i musulmani che vivono in Europa e i loro concittadini di altre o nessuna religione,

• affinché la follia omicida di una fazione microscopica del tutto estranea alla comunità islamica non possa compromettere e rendere impossibile la vita di tutti gli altri musulmani e musulmane che vivono in Occidente,

• affinché la dottrina, l’esegesi e la giurisprudenza islamica non siano utilizzate per seminare morte e devastazione nelle nostre città e nelle nostre vite,

noi dirigenti UCOII, insieme ai rappresentanti delle associazioni islamiche e ed imam delle moschee in Italia, affermiamo che:… l’obbligo morale dell’uomo e delle comunità di essere attori del bene in questa vita terrena …Questo obbligo morale è sintetizzato nell’imperativo del “ordinare il bene e condannare il male” condizione sine qua non per rimanere nel sereno equilibrio tra gli obblighi di questa vita … è un imperativo del musulmano e della musulmana adoperarsi con tutte le sue capacità e tutto il suo impegno alla realizzazione della pace e della concordia tra le creature umane e tra le forme comunitarie e statuali che esse si sono date per organizzare la loro vita terrena… Ogni comportamento che scientemente noccia alla sicurezza collettiva e tenda a destabilizzare le società introducendo elementi d’insicurezza o rischio collettivi, per qualunque scopo dichiarato esso venga perpetrato, è oggettivamente una fitna (un'eversione malefica), estendendo questo termine ad ogni forma di terrorismo, guerra civile, e aggressione contro le creature innocenti.
Infatti l'azione del musulmano e della musulmana dev'essere improntato alla benevolenza e alla misericordia nei confronti di tutte le creature in forza di una misericordia generale che Iddio ben chiarisce nel Corano quando rivolgendosi al Suo Inviato (pbsl) dice: "In verità tu sei una misericordia per i mondi".
Fa parte dell'etica islamica la sincerità nei confronti di tutti gli esseri e pertanto non è tollerabile nessuna ambiguità nel discorso e nei comportamenti… Nella totalità dei paesi occidentali (intesi convenzionalmente come Europa e le Americhe ) la condizione religiosa dei musulmani e la loro relazione con lo spazio pubblico è retta da impianti costituzionali e leggi ordinarie che ne garantiscono sostanzialmente la libertà di culto e di associazione.
Questi ordinamenti e queste leggi rendono possibile la vita delle musulmane e dei musulmani, e le restrizioni che sono state recentemente introdotte in alcuni paesi, per quanto inopportune ed ingiuste, come la legge sul divieto del foulard islamico nelle scuole francesi, non inficiano il quadro generale di eguaglianza di fronte alla legge.
In queste condizioni il musulmano e la musulmana, siano essi cittadini di quegli Stati o stranieri residenti in forza di un documento di soggiorno o comunque presenti sul territorio nazionale, sono tenuti al rispetto della legge generale, alla lealtà e alla collaborazione nei confronti delle istituzioni che le garantiscono,
Nei confronti dei correligionari, sottoposti alla dura prova della guerra e del terrorismo , la solidarietà, nel rispetto delle leggi che reggono gli Stati europei ed occidentali in genere, può essere variamente espressa ed esercitata sotto il profilo umanitario e, ove possibile, attraverso un azione informativa, di lobbing o di massa per esercitare pressioni politiche mediante legittime forme di protesta previste nell'ordinamento democratico finalizzate a far cessare la violenza e l’ingiustizia. Un azione che può e deve essere condotta in intesa con la grande maggioranza della popolazione italiana che ha espresso e continua ad esprimere la sua contrarietà ad ogni forma di violenza…Il rapporto dei musulmani con i credenti di altre religioni o le persone che non hanno alcun riferimento religioso o spirituale dev’essere improntato alla bontà e alla giustizia in nome della comunanza umana e in nome della misericordia e giustizia che il musulmano deve applicare nei confronti di tutte le creature. Nel Corano sta scritto: "In verità abbiamo onorato i figli di Adamo" (Corano XVII, 70), intendendo tutte le creature umane che sono meritorie di rispetto e di amore.
Il Profeta (pbsl) chiarì che vi sarebbe stata una ricompensa per la bontà verso qualunque creatura, umana o animale.
La prima forma di giustizia e bontà risiede nel rispetto della vita, dell’incolumità, dei beni e dell’onore delle persone, a qualunque religione, etnia o nazionalità appartengano.

“Allah non vi proibisce di essere buoni e giusti nei confronti di coloro che non vi hanno combattuto per la vostra religione e che non vi hanno scacciato dalle vostre case, poiché Allah ama coloro che si comportano con equità”. (Corano LX, 8)

Nella fattispecie oggettiva delle minacce che sarebbero state rivolte contro l’Italia da parte di organizzazioni terroriste, ribadiamo la centralità del lavoro di prevenzione e di educazione alla cultura della pace, della legalità e della cittadinanza attiva, nel rispetto delle diversità e delle appartenenze religiose e laiche, svolto da quasi tre decenni dalle associazioni islamiche in Italia, da sempre all’avanguardia in questo campo e la ferma determinazione a continuare questo lavoro nell’interesse del bene del paese.

Considerato quanto sopra ed analizzando le azioni del terrorismo realizzate dalla cosiddetta Al Qaida, siamo certi di affermare che nessuna base giuridica o giurisprudenziale sta alla base di siffatti comportamenti.

Infatti, la giurisprudenza islamica fa assoluto divieto di colpire i non belligeranti, le donne, i bambini, gli anziani. Basterebbe questa reiterata trasgressione ad escludere ogni legittimità alle azioni terroristiche che colpiscono in paesi islamici e occidentali, centinaia di persone innocenti tra le quali cittadini e residenti musulmani… anche se fosse una reazione ad altre pregresse ingiustizie, il terrorismo è reazione scomposta e criminale del tutto inaccettabile dalla coscienza e dalle menti dei credenti. l’iper-mediatizzazione e la forma delle rivendicazioni espresse con terminologia religiosa danneggiano gravemente l’immagine dei musulmani alzando un muro di diffidenza e di vera e propria paura … la destabilizzazione che esso provoca nelle società che ne sono vittime assume ampiezza e profondità tali da compromettere seriamente la convivenza tra i musulmani e i loro concittadini di altre o nessuna religione e rischia di renderla impossibile.

Noi sottoscritti dirigenti della comunità musulmana ed imam , rappresentanti delle realtà islamiche in Italia affermiamo solennemente

1- l’incompatibilità
del metodo terrorista con la dottrina, la giurisprudenza e la cultura islamiche.

2- la condanna
assoluta e incontrovertibile delle azioni che conducono a stragi di innocenti o tendenti alla destabilizzazione delle società e al conseguente disordine sociale e civile.
invitiamo tutti i musulmani e le musulmane d’Italia a:
a) non attribuire nessuna valenza islamica a queste azioni anzi a ritenerle una grave eversione (fitna) dalla quale è obbligatorio separarsi e difendersi con estrema chiarezza e responsabilità.
b) ricordiamo che stante quanto sopra affermato è fatto assoluto divieto di fornire supporto materiale o anche solo logistico, verbale o appoggio morale a persone di cui si potesse ragionevolmente sospettare attitudini o convinzioni aberranti in merito all’uso della violenza con la demagogica pretesa di far trionfare la causa islamica colpendo gli innocenti o le strutture civili e politiche delle società.
c) relazionarsi lealmente con le istituzioni dello Stato e denunciare progetti di attentati o formazione di gruppi a questa finalità costituiti ed organizzati, di cui si fosse venuti a conoscenza.

Disse il Profeta Muhammad (pbsl): “Aiuta tuo fratello, sia che faccia il bene sia che faccia il male...”. La Lettera dei 138 dotti musulmani al Papa e ai Capi cristiani


>>

Nazismo, terrorismo, intelligenza americana, populismo italiano, pedagogia de Cristo, giustizia civiltà o stupidità?
Rai3, Al Jazeera, Iraq, USA, Bush, Berlusconi, intelligenza, populismo, comunismo, terrorismo e antiamericanismo
Iraq, terrorismo, anti-Bush, antiamericanismo e verità o bugia de Rai3, “La Stampa” e Indymedia?
Human Right, 38 terroristi e milioni de vittime del terrorismo
USA, Israel, Papa, terrorismo islamico, SILVIA BARALDINI e censura de Indymedia
Silvia Baraldini, Lynndie, terrorismo, anti-americanismo e misteri dell’opinione pubblica
Terrorismo, pace, guerra, bugie, verità, demagogia, populismo, civiltà e relatività dell’intelligenza
Mafia, intercettazione, Abu Omar, terrorismo, Cia, Sismi e giustizia o stupidità?
Cia, Sismi, terrorismo e intelligenza o stupidità?
Iraq, terrorismo, contrasti di opinioni, rivoluzionari di sinistra e destra
Torture, terrorismo, giustizia e informazione nella civiltà mafiosa e terrorista
"MINISTRO DELLA TERRORISTA" CONTRO TUTTI FORME DI TERRORISMO
Torture, terrorismo, civiltà
Terrorismo globale e guerre globali
TERRORISMO E MISSIONE DI “CIVILTÀ” DI PACE OD OCCUPAZIONE IN IRAK?

Bush, Moore, Osama Bin Laden, guerra e terrorismo

Castelli, giustizia, sicurezza e terrorismo
TV-Talk, Tabù-Folk, profeta maledetto, satira al terrorismo islamico e i coglioni occidentali
Terrorismo 11 de Settembre e psicologia, sociologia e filosofia delle credenze complotisti.
TV Talk, terrorismo 11 de Settembre 2001, antiamericanismo, bugie, verità e share
Torture, terrorismo, Caimano e informazione o spot elettorale?
Diliberto, Baraldini, terrorismo, anti-americanismo e schifo all’italiana
Terrorismo, Br, civiltà terrorista-mafiosa e giustizia o stupidità?
Terrorismo, Abu Omar, il grande Generale Della Chiesa e il “piccolo nano”
Satira al Papa, violenza e terrorismo islamico
Antiamericanismo e pacifismo all’italiana

Civiltà italiana: pro-islamica, pro-albanesa e anti-americana

Torture, terrorismo, civiltà "occidentale" e informazione in Italia
USA: "Civiltà superiore" e giornalismo inferiori
Onu, torture, Berlusconi, superiorità della civiltà occidentale: ipocrisia o diplomazia? Intelligenza o stupidaggine?
Berlusconi, USA, civiltà superiore e giornalismo inferiori
Berlusconi,Prodi,civiltà occidentale,islam e giornalismo
FIDEL CASTRO, CHE GUEVARA, COMUNISMO, USA E CUBA VISTI DALL'ITALIA
TERRORISMO E "CIVILTÀ" OCIDENTALE
Giorgio Bocca: primo giornalista del primo pamphlet anti-Berlusconi e anti-USA
"RIVOLUZIONE DEI GAROFANI" E MARXISMO CULTURALE
Torture e diritti umani nell’Iraq (sondaggio)
Iraq, pace, petrolio, Berlusconi, Bush, etica, intelligenza e stupidaggine
Bush, Moore, Osama Bin Laden, guerra e terrorismo
Calipari, Baraldini, Ministro della terrorista, Che Guevara, torture, Antiamericanismo, e piazze di sinistra

MERCENARI, VOLONTARI, TERRORISTI E STUPIDAGINE DELLA GIUSTIZIA

Volontariato, terrorismo, politica, criminalità e giustizia: il migliore e il peggiore d’ Italia
Volontari e civiltà superiore di Berlusconi, di Machiavelli e dei coglioni occidentali

Volontari umanitari e pacifiste rapite, torture, civiltà occidentale
Terrorismo globale e guerre globali

Appello per il rilascio dei volontari rapiti in Iraq
Iraq: Berlusconi, "ministro della terrorista" etica globale e della porta a canto (locale)

sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 11748283 volte