.
Annunci online

Ebooks di "Neo-Machiavelli" in italiano, (PiresPortugal in altre lingue) TIL=Time is Life=Tempo è Vita: Intelligenza, Creatività, Emozione, Informazione, Cultura e Volontariato (Italian Edition) Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.

 

 

Merken

 

Merken

14 agosto 2008
VIP, "Very important people", giustizia e informazione di Marco Travaglio e Antonio di Pietro.

Marco Travaglio e Antonio di Pietro hanno ragione o qualche volte è esattamente il contrario?

Postato da Antonio Di Pietro in Politica: "A seguito della scarcerazione di Del Turco … Condivido le parole di Travaglio che esprimono un sentimento sempre crescente che vuole il cittadino suddito da una parte e il politico Vip dall'altra. Una distinzione che questo governo ha contribuito ad accentuare attraverso un comportamento e leggi ai limiti della costituzionalità."

Quanti boss della mafia, assassini di decine d’innocenti sono stati scarcerati e hanno continuato ad compiere assassini, mentre più di 1.000 magistrati si sono occupati dei processi a Berlusconi?

Postato da Antonio Di Pietro in Politica: "Poniamo che arrestino un tizio, uno sconosciuto che non è Vip e non ha amici Vip, con l’accusa di aver rubato 6 milioni di euro alla collettività rapinando una banca o rubando nelle ville. E che poi lo scarcerino dopo 28 giorni.

Giornali e tg sarebbero pieni di commenti indignati di politici e opinionisti contro l’ennesima «scarcerazione facile». «Rubò 6 milioni, già a casa». «La polizia li mette dentro, i giudici li mettono fuori». «Alfano, ispettori contro le toghe buoniste». «Pdl e Pd uniti: tolleranza zero contro ladri e rapinatori». Difficilmente a qualcuno verrebbe in mente che il tizio è solo un sospetto rapinatore e che in Italia vige la presunzione di non colpevolezza. Poniamo invece che il tizio accusato di aver sottratto 6 milioni al prossimo sia un politico sospettato di mazzette sulla sanità. Più precisamente un governatore, magari dell’Abruzzo. Ieri ha ottenuto i domiciliari dopo 28 giorni di carcere per cessato pericolo di inquinamento probatorio (ma non di reiterazione del reato). A nessuno è venuto in mente di gridare alla scarcerazione facile, di protestare perché è uscito dopo «appena 28 giorni». Anzi, qui «facili» erano le manette. Quei 28 giorni sono parsi eccessivi a chiunque si sia espresso sul caso. Parve eccessivo anche il primo giorno di custodia, tant’è che un minuto dopo lo scattare delle manette era già tutto un coro: «Era proprio necessario arrestarlo?». Eppure, per la Costituzione e la legge, tra il tizio e Del Turco non c’è alcuna differenza …”

Quanti boss della mafia, assassini di decine d’innocenti sono stati scarcerati e hanno continuato ad compiere assassini, e erano più pericolosi di certi VIP? A me sembra che certa giustizia ha priorità a mandare in galera politici per comparire in TV e prime pagine dei giornali. Non ho scritti niente su Del Turco ma dalla prima ora mi è venuto in mente un fatto di un sindaco conosciuto come “sindaco 10%” perché da circa 20 anni correva la voce che per fare qualche opere si doveva pagare 10%. Un giorno arriva da un importante viaggio all’estero e trova le manette con tutte le TV. Il processo si è prolungato per molti anni, dalla galera è passato alla prigione domiciliari in una delle sue lussuose ville e credo che solo i contribuente hanno pagato… Non so Del Turco è innocente o colpevole ma immagino che un intelligente giudici in una intelligente giustizia faceva meglio in pochi minuti: con prove in mane le faceva una proposta: se dice la verità non andava in galera ma se dicesse una bugia andava in galera senza “grandi avvocati” e senza nessuno contatto fino a dire tutta la verità e a conoscere complici.

Postato da Antonio Di Pietro in Politica: “Invece il pellegrinaggio di amici e colleghi nella cella di Del Turco (ufficialmente «in isolamento»!) è passata come una normale, quasi doverosa testimonianza di solidarietà all’illustre recluso. Anzi, è bastato che Veltroni manifestasse la sua fiducia nella magistratura, evitando di emettere sentenze che non gli competono, per esser bollato di «ipocrisia» e «antisocialismo». Ieri, sul Corriere, Pigi Battista ha fornito un catalogo completo del razzismo sociale applicato alla giustizia, in un memorabile commento dal titolo «E se Del Turco fosse innocente?». … Pigi chiede addirittura un risarcimento per Del Turco, scarcerato - a suo dire - «con 48 ore di ritardo causa introvabilità del gip», … E lo paragona addirittura a Enzo Tortora sol perché non s’è ancora scoperto «dove sono andati a finire i proventi» delle presunte mazzette. Ci sarebbe pure la possibilità, sostenuta dai pm, che i soldi siano finiti in alcuni immobili e/o in qualche conto cifrato nei paradisi fiscali. … «E se Del Turco fosse colpevole?». Cioè se fosse come Craxi, come Contrada, come Mambro e Fioravanti, per citare solo alcuni dei condannati definitivi che Battista e il Corriere continuano a trattare da innocenti. Come pure i 18 pregiudicati, da Dell’Utri in giù, che popolano il Parlamento. Ecco: se Del Turco fosse colpevole, sarebbe innocente lo stesso." Postato da Antonio Di Pietro in Politica

Le galera per VIP mi sembrano molte volte ingiuste stupidaggine: più onesti contribuenti pagano cieca €300 al giorno per mantenere senza fare niente dei più intelligenti e efficienti che potevano essere puniti con milioni di altre forme più educative, giuste e socialmente utile. Quanti boss della mafia, assassini di decine d’innocenti sono stati scarcerati e hanno continuato ad compiere assassini, erano più pericolosi e meritavano più la Galera di Craxi, Contrada, …?

sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 11345460 volte