.
Annunci online

Ebooks di "Neo-Machiavelli" in italiano, (PiresPortugal in altre lingue) TIL=Time is Life=Tempo è Vita: Intelligenza, Creatività, Emozione, Informazione, Cultura e Volontariato (Italian Edition) Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.

 

 

Merken

 

Merken

politica interna
7 maggio 2010
Prosperini patteggia, corruzione, galera, volontariato e NSP=Neo-San-Paolo? (cao, caa, gib, ngf, rnm)

L’ex assessore regionale lombardo Pier Gianni Prosperini, accusato di corruzione, turbativa d’asta, truffa e tangenti nella promozione televisiva del turismo, ha patteggiato 3 anni e 5 mesi di reclusione. Certamente questi comportamenti, se sono veri, devono essere puniti. Ma con il carcere? Necessario? Distruggere persone intelligenti in galera per comportamenti molto diffusi? Sembra che la corruzione attinge valori di 60 miliardi anno con danni per consumatori e migliore politica. Parteggiare con multe e lavoro nel volontariato mi sembra molto più giusto, intelligente e educativo della galera.

Prosperini: «Da ora in poi mi dedicherò al volontariato per i meno fortunati, i disabili e per chi ha difficoltà motorie… Per un po’ niente politica»... Corruzione Prosperini patteggia: tre anni e 5 mesi‎ - il Giornale, 6 articoli correlati ».
Non sarebbe ancora migliore se facesse come San Paolo e se convertisse a collaborare per evitare errori politici come il suo? A riformare la giustizia e a eliminare altra vergogna molto peggiore, con altri livelli di peggiore corruzione?
Il caso Prosperini dimostra che la giustizia italiana non è uguale ...Cominciamo con il dire che gli atti illegali per cui è stato condannato ( se esistono, ricordiamo sempre che il patteggiamento riguarda solo la pena e non comporta un’ammissione di responsabilità ) sono gravissimi e inaccettabili, soprattutto per chi amministra la cosa pubblica. Su questo non ci sono dubbi, e la pena è, e deve essere, inevitabile e severa.
Le intercettazioni del «boss» Prosperini «Questo va castigato ...scrive il gip Andrea Ghinetti nell'ordinanza che lo ha portato in carcere. Per spiegare le esigenze di custodia cautelare in carcere il giudice ricorda che Prosperini è «il boss, come viene talvolta chiamato dai suoi accoliti, cui spetta certamente l'ultima parola sull'attività dell'assessorato e l'impiego dei fondi». deve restare in carcere perché potrebbe inquinare le prove e reiterare i reati di corruzione e turbativa d’asta.
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte