.
Annunci online

Ebooks di "Neo-Machiavelli" in italiano, (PiresPortugal in altre lingue) TIL=Time is Life=Tempo è Vita: Intelligenza, Creatività, Emozione, Informazione, Cultura e Volontariato (Italian Edition) Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.

 

 

Merken

 

Merken

televisione
7 novembre 2010
Berlusconi nel giornalismo, informazione e opinione pubblica dal ex-direttore di “Economist” Bill Emmott e da un Neo-italiano

Bill Emmottex-direttore di L’Economist è la migliore arma del giornalismo italiano contro Berlusconi: Un ex-direttore di una prestigiosa pubblicazione internazionale, con l’esclusivo per Italia da Panorama, pertanto nella busta paga di Berlusconi, scrive il libro più famoso contro Berlusconi. Questo libro del quale solo ho letto le prime frasi per vedere com’era sbagliato di partenza, mi ricorda un altro libro che era nel record di vendite in Spagna e in Italia non ho trovato nessuno che lo conoscesse: “L’imperio Agnelli”. Perché un libro contro Agnelli che è il primo in vendite in Spagna non è conosciuto in Italia e altro contro Berlusconi mi sembra il libro straniero più famoso in Italia? Il libro contro Berlusconi è migliore di quello contro Agnelli? O Agnelli ha investito soldi della Fiat per creare nell’opinione pubblica l’idea che quello che è a favore della Fiat e famiglia Agnelli è a favore d’Italia e quello che è a favore di Berlusconi è conflitto d’interessi?
Quando Bush ha vinto elezioni in USA per la seconda volta con un record di voti nella storia americana, ho avuto l’impressione che l’opinione pubblica italiana era al 99% contro Bush nei FAB=fanatici-anti-Berlusconi. Mi sembra che in un solo anno sono stati pubblicati 50 libri su Bush e quasi tutti contro. L’informazione e cultura popolare sono molte volte contro di quelli che arrivano più in alto, contro quelli che sono molto superiori. Immagino che se Agnelli entrasse in politica e avesse il potere di Berlusconi, qualcuno scopriva il libro record di vendite in Spagna e lo pubblicava anche in Italia. È più popolare raccontare difetti e negativo dei migliori che positivo. Anche nel mio blog noto più pagine viste se parlo dei difetti o critico Berlusconi che se parlo del positivo. A questo io chiamo il populismoDAVIDgolia, populismo dei piccoli contro più grandi, come David contro Golia.
Il direttore di una popolare pubblicazione sa che se scrive il positivo di Berlusconi non ha tanti lettori come se scrive più negativo o solo negativo. Può scrive solo verità. Ma esistano milioni di verità gratuite già online contro Berlusconi e molto meno favorevole. Un libro può avere un giusto equilibrio fra positivo e negativo o il peggiore negativo. Per il migliore positivo solo venda alla famiglia. Anche se nella verità dei fatti Berlusconi fosse il politico più lavoratore, intelligente, creativo, efficiente e pragmatico della storia d’Italia, vendeva più un libro a raccontare il negativo che il positivo. Anche se dopo entrare in politica fa sesso una media di una volta al mese, per credenti di Marco Travaglio e Antonio Di Pietro passa la vita in sesso, porcate e a nascondere porcate. L’opinione dell’ex-moglie Veronica che è un pedofilo-malato riceve la benedizione di certa chiesa cattolica e diventa dogma di fede. Nessuno conosce migliore Berlusconi che la moglie? O nel momento di separazione legale dopo 7 anni di separazione di fatto, (fonte: Bruno Vespa), è normale che esageri nel negativo contro Berlusconi?
Quello che l’ex-direttore dell’Economist scrive su Berlusconi può essere vero nei fatti ma la scelta dei fatti, la sequenza e interpretazione sono con l’intenzione di una teoria anti-Berlusconi per gradimento di 70% antiberlusconiani del momento e forze 80% o 90% del “popolo” mondiale che legge libri e pubblicazione come Economist, soprattutto che legge più per divertimento che per formazione.
In una scuola per comici non era un unico che non fosse anti-Berlusconi. In una conferenza che ho fato su psicologia della comicità, ho domandato se qualcuno conosceva un comico favorevole a Berlusconi. Dopo un lungo silenzio qualcuno ha detto: Emilio Fede. Nel comico vince sempre il piccolo contro il grande. Il comico del circo è per bambini. Il comico “cult” è il divertimento degli adulti con il bambino che è rimasto nell’inconscio.
Bill Emmott, ex direttore di Economist, (anche chiamato “Ecomunista”), ha detto ieri a La7 che Berlusconi è visto dall’estero come un imperatore cercato di donne. Perchè La7 manda nel migliore orario l'arma più letale contro Berlusconi? Perchè aspetta già la vittoria di Fini e prende la barca del vincitore? Vuole contribuire alla caduta di questo governo? In questo momento è popolare essere contro Berlusconi? Se il prossimo non è migliore sarà informazione di servizio pubblico o servizio della maf…?
Immagino che anche Bruno Vespa parla più delle donne di Berlusconi che del suo obiettivo più intelligente, (
GIB). Questo è impopolare e pericoloso. Marco Travaglio ha fato fortuna e popolarità a creare l'idea che Berlusconi è il grande mafi0so. Cosi non solo non ha più paura della vera maf… (antimaf…=anti= Berlusconi, ma ha la sua protezione.

BAS=Berlusconi-altra-storia, altro blog, pe-book, e-book o libro ...

Beppe Grillo, “L'inizio della fine” o populismo di piazze contro ...

sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte