creatività, intelligenza, stupidità, populismo, giornalismo, informazione, etica, politica, ecologia, capitalismo, comunismo, anarchia, civiltà, arte, cultura, psicologia, sociologia, filosofia, televisione, TV, giustizia, volontariato, futuro, globale, Onu, religione, neo-machiavelli | neo-machiavelli, creatività, intelligenza, informazione, TV, politica, etica, giustizia, | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Ebooks di "Neo-Machiavelli" in italiano, (PiresPortugal in altre lingue) TIL=Time is Life=Tempo è Vita: Intelligenza, Creatività, Emozione, Informazione, Cultura e Volontariato (Italian Edition) Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.

 

 

Merken

 

Merken

televisione
6 marzo 2009
Bimbo di otto anni col coltello, l'asino, l’”eroi” del G8 di Genova e la pedagogia

Nella Genova del G8 dove il morto è diventato eroi e la madre fato carriera in politica adesso un altro "eroi": Bimbo di otto anni a scuola col coltello al collo di una compaga:I compagni "scioperano", ma chi è l'asino?”
Quasi tutti difendano il bambino “innocente”, (1). Sarà cosi che se educano? Colpa dei genitori, della TV o dei politici? È evidente che la prima colpa è dei genitori. Ma i genitori sono frutto di questa cultura che non ha fato pagare i danni del G8 a chi le ha fato ma a più onesti contribuenti che non hanno colpa. Questa cultura o questa civiltà trasforma in eroi il violento con l’estintore contro il polizia innocente fino a sparare per difendersi del aggressore. L’aggressore è diventato eroi, (Mg8=morto del G8 di Genova), la madre che non ha saputo educare migliore il figlio è andata in politica e adesso qualcuno dice che è colpa dei politici.
La prima norma dell’educazione è il premio e la punizione. Il bambino aveva fatto altri violenze? Era stato punito? O premiato? Questa è la questione. L’educazione inizia prima dei 8 anni e continua tutta la vita. Se i comportamenti antisociali non sono puniti e sono premiati è normale che tendano a ripetersi. Il buonismo in difesa dei comportamenti antisociali e antieducativo. L’educazione deve premiare i virtuosi e punire sempre e subito gli errori. Cosi se educano. Non scusando e dando colpe ad altri da Berlusconi alla TV…
Un commento, (2) racconta il percorso di un "disadattato" che è diventato un grande criminale. La punizione mi sembra ridicola come quelli vandali che hanno allagato la scuola per non studiare e sono stati inizialmente “premiati” con 15 giorni di sospensione. Non so se quello che ho scritto (Vandali premiati con 15 giorni di vacanze... ) ha contribuito a fare pagare i genitori parte dei danni.  Immagino che se tutti danni e costi dei criminali fossero pagati di chi le causa si faceva la migliore rivoluzione culturale della storia. Ma questo è attualmente di una civiltàMAFIOSAcriminale.
Un piccolo commento, (3), ricordami mio padre:

(1) “… Bimbetto alto così, come quelli che abbiamo a casa noi, … A otto anni non si è responsabili delle proprie azioni, … Il problema è che, come al solito, a pagare ora è proprio il più piccolo, lui che chissà dove ha imparato quel gesto, lui che in otto anni non è stato educato dalla scuola, dalla famiglia e da quelli tutt'intorno a essere un bambino non violento. I genitori dei compagni di classe, infatti, da quando ha tentato di sgozzare la compagna, hanno ritirato i loro figli da scuola, e per protesta ora li tengono in casa. Lui, in quell'aula di Genova, nel quartiere popolare di Sampierdarena, ci sta andando da solo, e fa lezione con le sedie vuote intorno… poveri bimbi, abbandonati davanti alla TV …Io sono madre e lavoro, e da madre dico:"I figli vanno seguiti in prima persona, anche così è difficile, figuriamoci per procura!!! … un ragazzetto di 8 anni, bambino non lo è più, che minaccia con un coltello una compagna di classe… Prendetevela con un bambino di otto anni innocente. Assolvete completamente la società, che noi tutti abbiamo contribuiamo a formare. Assolvete la nostra classe dirigente ed il loro esempio, assolvete i media … A 8 anni con un coltello? A 18 con una pistola. .. Non è colpa del bambino quanto dei suoi genitori. Ma questo bambino non può che crescere delinquente… A otto anni non si è responsabili delle proprie azioni…”

(2) Alex68 ha detto... Questo ragazzone ( era grande e grosso molto più di noi ) incuteva timore, ancora non si parlava di bullismo ma certamente nessuno, tra di noi, viveva tranquillo. Un giorno prese a pugni la professoressa di matematica, con un "destro" la fece volare contro una porta di legno che venne sfondata. Finì con 15 giorni di sospensione. Poi nuovi 15 giorni a casa per aver bestemmiato ripetutamente in classe… Finita la scuola, la sua vita la trascorse tra lavoretti saltuari e il carcere con le accuse più varie: tentata violenza sessuale, furto di auto, spaccio di droga, rapina . Un curriculum invidiabile interrotto qualche anno fa, morto per AIDS in carcere a poco più di trent'anni.

(3) Se mio padre mi trovava un coltello in tasca mi caricva di botte... e non chiamavo il telefono azzurro!!! Caro papa, solo ora capisco che facevi bene a mollarmi qualche ceffone al momento giusto. PS: non rubo, e non uccido!!!

sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte