creatività, intelligenza, stupidità, populismo, giornalismo, informazione, etica, politica, ecologia, capitalismo, comunismo, anarchia, civiltà, arte, cultura, psicologia, sociologia, filosofia, televisione, TV, giustizia, volontariato, futuro, globale, Onu, religione, neo-machiavelli | neo-machiavelli, creatività, intelligenza, informazione, TV, politica, etica, giustizia, | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Ebooks di "Neo-Machiavelli" in italiano, (PiresPortugal in altre lingue) TIL=Time is Life=Tempo è Vita: Intelligenza, Creatività, Emozione, Informazione, Cultura e Volontariato (Italian Edition) Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.

 

 

Merken

 

Merken

SCIENZA
31 maggio 2010
Pisolino, riposo pomeridiano, sonno, fa bene al cervello, memoria e intelligenza. Ma quanto tempo? Secondo la voglia di ogn’uno? (til, fil, ptv)

Secondo diversi studi sembra che il pisolino, riposo pomeridiano, fa bene al cervello, memoria e intelligenza:

 Neurologia IL PISOLINO RENDE PIÙ INTELLIGENTI E AIUTA LA MEMORIA ... con 45 minuti di sonno non-Rem, quelli solitamente dedicati alla pennichella pomeridiana, l'archivio dei ricordi viene potenziato… c'è una sorta di livello ideale per apprendere attraverso il sonno, che aiuta a elaborare in modo ottimale i ricordi. L'importanza di questa scoperta è anche che il sonno può essere utile, ma non a elaborare tutte le informazioni acquisite nella fase di veglia”. Cioè la pennichella funziona solo con le nozioni che sono state imparate bene… bastano solo 12 minuti o un'ora e mezza con gli occhi chiusi nel pomeriggio per rafforzare la memoria e sedimentare nozioni appena apprese mentre, al contrario, non dormire o dormire male la notte danneggia pesantemente le capacità mnemoniche… un pisolino pomeridiano di 90 minuti … la differenza nell'apprendimento dei ragazzi è apparsa evidente… ciò che conta nel rafforzare la memoria è la fase del sonno chiamata “ad onda lenta” che si raggiunge velocemente una volta chiusi gli occhi in quanto precede la fase Rem in cui si manifestano i sogni… bisognerebbe dormire almeno 7-8 ore a notte, poi si devono seguire alcune semplici regole come dedicare qualche minuto al relax prima di dormire; non andare a letto troppo tardi; non fare uso di stimolanti o bevande con caffeina prima di dormire; non essere affamati né con lo stomaco troppo pieno; evitare di fare attività fisica intensa nelle sei ore precedenti al momento di andare a letto. Infine la camera da letto deve essere buia, silenziosa e fresca e bisogna cercare di svegliarsi sempre alla stessa ora.”
Sembra che Napoleone, Berlusconi, Montalcini e certe persone famose dormano circa la metà della media. La regola di “bisognerebbe dormire almeno 7-8 ore a notte” sarà valida per certe persone e non per altre?
La pisolino pomeridiano aiuta il cervello a ricaricarsi - Salute Web … il pisolino ha la capacità di rendere le persone più intelligenti… aiuta l’ippocampo a attivarsi e a reagire meglio agli stimoli… le facoltà dell’apprendimento.
Mamme Domani | Il pisolino rende più intelligenti... uno studio effettuato da scienziati americani dell'Università della Californiacapitanati dal dott.Matthew Walker afferma che questa abitudine non solo consente di 'ricaricare' il cervello, ma anche di diventare più intelligenti… molte celebri menti del passato riposavano abitualmente durante le ore pomeridiane: tra i geni citati ricordiamo ad esempio Albert Einstein, Pablo Picasso e Wiston Churchill… Più ore trascorriamo da svegli, più il nostro cervello procederà lentamente, quindi  chi sta preparando un esame e pensa di guadagnare tempo rinunciando a preziose ore di sonno in realtà sbaglia… l'abilità di apprendere potrebbe diminuire di circa il 40% nel caso di eccessiva privazione di sonno”.
CULTURA
13 ottobre 2009
Cervello umano, apprendimento di nuove abilità, tempo e riposo, (til, tev, Itab, Chieti, PNAS)

Dopo la nascita il cervello non si ferma mai. Anche nel sono continua l’apprendimento di nuove abilità, sviluppo di certe capacità, (1). Sappiamo che il tempo e intensità delle emozione, del’interesse dei stimoli, dell’informazione condizionano lo sviluppo di certe capacità. Sappiamo che il gioco è importante per il bambino. Ma quando sarà migliore il gioco spontaneo o orientato dell’adulto? La scuola tradizionale sarà la migliore per sviluppare la creatività e talento di persone con facoltà fora del comune? O sarà migliore una Neo-anarchia nella scuola con più libertà per più intelligenti, creativi e efficienti? Oliviero Toscani  mancava alla scuola e andava a vedere film. Chi sa se per lui, per lo sviluppo della sua creatività,  intelligenza e efficienza era migliore vedere film o stare alla scuola?  

"Il cervello umano non si riposa mai - City...nemmeno quando ci riposiamo dopo il lavoro. Secondo uno studio dell’Itab di Chieti, l’apprendimento di nuove abilità può modificare alcune aree del nostro cervello facendo sì che continuino a funzionare anche a riposo."
"Teate.NetNell'attività cerebrale intrinseca sarebbero "impresse le tracce" delle nostre esperienze, della nostra storia personale. Spiegano i ricercatori di Chieti su PNAS: "L'apprendimento scolpisce l'attività spontanea del cervello". … anche quando siamo ad occhi chiusi, senza eseguire alcun compito o essere stimolati dall'esterno, il nostro cervello consuma un elevato budget energetico e mostra una intensa attività intrinseca organizzata in una vera e propria architettura funzionale (la cosiddetta "connettività funzionale a riposo"), la quale sembra formarsi nell'età dello sviluppo e rimanere stabile nell'età adulta… nell'attività cerebrale spontanea, intrinseca, ci potrebbero essere "tracce" delle nostre esperienze personali, della nostra storia e dei nostri vissuti. Infatti, Chris Lewis & Antonello Baldassarre, primi co-firmatari dell'articolo, sottolineano il dato che i soggetti che hanno appreso meglio il compito di discriminazione visiva, hanno mostrato una maggiore modificazione della propria attività cerebrale intrinseca. Imparare a cercare e discriminare stimoli nell'ambiente, continua Giorgia Committeri, … ha un elevato valore adattivo che potrebbe essere consolidato proprio grazie all'attività cerebrale intrinseca, spontanea. Comprendere il ruolo dell'attività spontanea del cervello, conclude il neurologo Corbetta, potrebbe dimostrarsi molto importante per capire come la conoscenza viene codificata, mantenuta e utilizzata dal cervello, e di acquisire conoscenze su malattie invalidanti nelle quali l'attività cerebrale spontanea è fortemente alterata, come il morbo di Alzheimer e gli ictus cerebrovascolari. John Locke scriveva: "Supponiamo che la mente sia come si dice un foglio di carta bianco, privo di qualsiasi segno, senza nessuna idea; come arriva a essere fornita di idee? … dall'esperienza". (Saggio sull'Intelligenza Umana, 1690)."
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte