creatività, intelligenza, stupidità, populismo, giornalismo, informazione, etica, politica, ecologia, capitalismo, comunismo, anarchia, civiltà, arte, cultura, psicologia, sociologia, filosofia, televisione, TV, giustizia, volontariato, futuro, globale, Onu, religione, neo-machiavelli | neo-machiavelli, creatività, intelligenza, informazione, TV, politica, etica, giustizia, | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Ebooks di "Neo-Machiavelli" in italiano, (PiresPortugal in altre lingue) TIL=Time is Life=Tempo è Vita: Intelligenza, Creatività, Emozione, Informazione, Cultura e Volontariato (Italian Edition) Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.

 

 

Merken

 

Merken

televisione
2 luglio 2009
Somalia, Ruanda, fallimento di una missione di pace o di guerra? Fallimento italiano, europeo, americano, ONU o dell’opinione pubblica condizionata dell’informazione?

Una testa di un soldato americano per le strade ha fato il giro del mondo e condizionato Clinton a ritirarsi di Somalia e non intervenire nel Ruanda. Senza quell’immagine sarebbe fallita la missione in Somalia? Rai3, (9-10), mi ha dato l'impressione di un fallimento per pressione dei pacifisti e opinione pubblica. Senza quelle immagine e senza pacifisti sarebbero morti quasi un milione nel Ruanda? Quanta colpa dei pacifisti? Morti per missioni di pace o per mancanza di più guerra?  

televisione
6 maggio 2009
Veronica, Barbara, Berlusconi, Clinton, Ruanda, etica, informazione e politica

Veronica e Barbara Berlusconi mi sono simpatiche per l’interesse che manifestano con l’etica. L’informazione di questi giorni mi pone molti problemi di etica.

Molta informazione ha fato paragoni con Clinton. Ricordo che proprio quando l’informazione di tutto il mondo si occupava di una banalità piccante fra Clinton e la stagista, nel Ruanda moriva quasi un milione di civile vittime di un genocidio. Sembra che Clinton non ha intervenuto a causa delle immagini della testa di un soldato americano morto in una missione umanitaria e portato per le vie di una città come trofeo.

Sembra che in 2 anni Clinton ha ricevuto solo una volta il dirigente della CIA. Qualcuno ha detto che se sentisse più la CIA se poteva evitare l’11 di Settembre.

Quanti problemi di politica nazionali non saranno risolti per il tempo di Berlusconi a occuparsi delle banalità dell’informazione? O sarà una forma di educare per una politica più etica?

POLITICA
9 aprile 2009
Rwanda, Ruanda, Grillo, Abruzzo, guerre, pace, pacifisti e pacifinti

Ieri io ho commentato il Morto di Londra, morti del terremoto in Italia, sensibilità, web-informazione di Grillo, intelligenza o violenza e populismo?
Oggi Grillo dedica un post al genocidio di Ruanda, (1), e un commento è molto indignato per non dare preferenza al terremoto di Abruzzo: “Ma ci rendiamo conto che 50 mila persone hanno perso tutto, che ci sono quasi 300 morti di cui una ventina di bambini!!!!!!!!!”.
Il morto di Londra è come il morto del G8 di Genova, molto caro al popolo di Grillo. Solo io ho trovato strano. Non trovo strano ricordare Ruanda nel suo anniversario. Il testimonio di quella donna sopravissuta, (1), è pieno d’emozione e sentimenti che possano aiutare a vivere il presente. Il morto di Londra e il morto di Genova sono differenti.
Molti criticano ONU e USA per non avere intervenuto militarmente e altri “pacifisti” o “pacifinti” hanno bruciato Strasburgo per protestare contro la NATO. Predominammo molti stupidi violenti populisti che se la prendano con i politici.
Molti se considerano più intelligenti dei politici eletti democraticamente. Credo che tutti possiamo dare un contributo con le nostre opinioni. Ma quelli che fanno violenza per le sue idee in una democrazia non sono democratici. Della violenza al G8 di Genova sono nati dei politici votati degli adoratori dei violenti della vecchia anarchia. Ma passato il populismo del momento sono ritornati dove erano partito. Sarebbe interessante vedere quello che hanno fato in politica altro a divinizzare uno stupido marginale delinquente morto con l’estintore contro migliore ripresentanti delle migliori democrazie, (mg8).

Per saperne di più: Neo-politica, Neo-Italia, Neo-civiltà, Neo-democrazia, Neo-anarchia, Neo-volontariato

(1)Passati 15 anni fa del genocidio di Rwanda, (o Ruanda?), Grillo le dedica un lungo post: Ovunque, la morte, Ritrovare la vita nei bambini sopravvissuti, L'arma dello stupro, Italiani, venite in Rwanda…Hutu contro Tutsi. Il mondo rimase a guardare. L'ONU non intervenne. Un milione di morti… storie atroci, di ieri e di oggi… “nostri assassini erano nostri amici, erano nostri vicini, erano talvolta dei genitori che uccidevano i loro figli e dei figli che uccidevano i loro genitori, delle mogli che uccidevano i loro mariti o viceversa. Dunque dappertutto c’era la morte, talmente tanta morte che alla fine io personalmente ho adottato la strategia di farmela amica per sopportare di averla tutto il tempo dinnanzi e sono riuscita alla fine a salvarmi… quando ho visto degli orfani che venivano verso di me, fra di loro c’era il figlio di mio fratello minore che era sopravvissuto e tanti altri bambini. Ho allevato una ventina di orfani, non è stato per niente facile… Ma questi bambini mi hanno dato più di quanto gli ho dato io, vorrei dargli quelle poche cose materiali se io potessi averle, ma loro mi hanno dato il gusto della vita, mi hanno ridato il valore di mamma, ed è questo che mi ha fatto diventare più tenera, perché l’amore che avevo per i miei figli l’ho dato a questi bambini. Questa vita mi ha fatto apprendere che potevo amare altri bambini, perché non sapevo che si potessero amare tutti i bambini, pensavo che potessi amare solo i miei… il genocidio è stato fermato, ma ancora oggi si uccide, uccidono quelli che sono riusciti a scappare di questo massacro perché hanno paura delle loro testimonianze… Lo stupro è stato utilizzato sulle donne e le ragazze come un’arma del genocidio, … c’è gente che non mangia a forza di essere sola, noi abbiano dentro la solitudine, ciò che fa che adesso abbiamo anche dei casi di suicidio, degli scampati hanno cominciato a suicidarsi…. ora mi piacerebbe fare una scuola che faccia imparare ai bambini i valori che il mondo sta perdendo, i valori della tolleranza e della solidarietà ed anche, se possibile, percorrere le scuole italiane per dire questo ai giovani, perché i nostri giovani sono la giovane generazione, è l’Italia di domani, è il Ruanda di domani, devono sapere la verità, e che più tardi possano fare delle scelte, dell’educazione che daranno ai loro bambini,” Postato da Beppe Grillo il 09.04.09 15:41 | Informazione |.

CULTURA
7 agosto 2008
Morte, morti, Ruanda, Hiroshima, antiamericanismo, antifrancesismo, mafia e civiltàMAFIOSA

Circa un milione di morti nel Ruanda ha fato poca notizia in Italia, forze meno di un “torturato” degli americani nell’Iraq per 3 giorni con la paura di finti fili elettrici. Immagino che il regime di Saddam ha torturato fino alla morte migliaia d’innocenti che non hanno sensibilizzato la civiltà italiana come quel presunto terrorista “torturato” per dichiarare la verità ed evitare la morte d’innocenti. Certa civiltà è più civile con terroristi antiamericani e mafiosi che con innocenti. Un mafioso è stato assassinato e causa più notizia de molti innocenti vittime della mafia.
Rai3 ha dato qualche minuto i morti di Ruanda per accusare i politici francesi. Non ricordo di avere mai sentito a Rai3 niente su i nostri soldi in beneficenza per Africa che sono finiti in armi di questo massacro. Se questo è vero come ho sentito non ricordo dove mi sembra che meritava più notizia, soprattutto di una TV pubblica. Solo adesso parlano di questo massacro o io solo adesso ho sentito? Parlano solo adesso per un vento di populismo anti - Francia del momento?
Ho trovato con www.google.it nelle pagine provenienti da Italia 33.100 per “morte, morti, Ruanda” e 43.600 per “morte, morti, Hiroshima”. Hiroshima è più importante o più al gusto dell’antiamericanismo italiano?
Quelli soldi per tanta informazione di Rai3 di antiamericanismo e al servizio del terrorismo non sarebbe migliore usatti contro la mafia e corruzione italiana e internazionale?

Oggi, cercando con www.google.it ho trovato:

1.750.000 per morte, morti, Italia, mafia.

6.400.000 per morte, morti, Italia

3.020 per morte, morti, Ruanda, Hiroshima

33.100 per morte, morti, Ruanda

43.600 per morte, morti, Hiroshima

1.440.000 per morte, morti, USA

neo-machiavelli.ilcannocchiale.it : Volontari occidentali che vanno nei paesi arabi, sono rapiti, le tagliano la testa, fanno di loro degli eroi, il 94% dei voti dei telespettatori delle sue TV dicano che è giusto, e questo scandalizza meno la “civiltà” che le “torture” o umiliazioni sessuali degli occidentali che sono puniti e condannati de quasi tutta la popolazione. .. Negli USA sono stati condannati 9 per le “torture” “occidentali”, anche per quelle senza nessuno danno fisico, solo umiliazione sessuale. Dai 300.000 soldati americani ad operar in condizione psicologiche estreme di fare perdere la testa qualcuno fa una bravata milione di volte inferiore a quelle che fa la mafia in Italia, viene punito, ma anche cosi diventa molto più importante per Rai3 che i crimini di mafia impuniti. Torture, fosforo bianco ...

Morte, pena di morte, morti di ... In Italia la pena di morte è un potere esclusivo della mafia e criminalità. ... Pena di morte e morti di fame: vittoria o vergogna d’Italia ...

Corriere della Sera - Obesità prima causa di morte negli Usa nel 2005L'obesità e il sovrappeso dovuto alla cattiva alimentazione e all'assenza di attività fisica potrebbero divenire la prima causa di morte negli Stati Uniti a partire dal prossimo anno… Nel 2000 il fumo ha causato 435 mila decessi negli Usa contro i 400 mila associati alla cattiva alimentazione e all'inattività fisica, molti di più degli 85 mila provocati dall'alcol, dice lo studio della Cdc. Secondo i ricercatori «gli interventi contro il fumo e per migliorare l'alimentazione e far aumentare l'attività fisica devono diventare le principali priorità della sanità pubblica»… quasi la metà dei decessi negli Usa può essere attribuita a comportamente evitabili, come appunto il fumo, il consumo di alcol, l'igiene e l'eccesso di peso. 09 marzo 2004

10 MOTIVI UMANITARI PER migliore applicazione della PENA DI MORTE… salvare più di 1.000 innocenti con quello che costa salvare uno assassino, terrorista o mafioso
CULTURA
4 giugno 2004
Giornalismo italiano visto da uno straniero: Enzo Biagi, Eugenio Scalfaro, Saddam, Chomsky Torture, Ruanda, USA, Clinton, L'espresso, indymedia e pab=pamphlet anti-Berlusconi

Collocare in prima pagina di un diario, una foto di Berlusconi ridente a fianco de orrori di guerra a Nassiriya e un militare italiano in fin di vita per dire che mentre uno ride altri muoiano per sua colpa mi sembra di un grande effetto emozionale ma di un primitivismo giornalistico mal tollerato in un giornale di partito. Lo ho criticato nel mio blog: “L’Unità” di oggi 2004-05-17 mette in prima pagina una foto di guerra con il titolo: “I militari rischiano la vita” e al lato una di Berlusconi sorridente con il titolo: “Lui se la ride”.

Pero me ha urtato quando un mostro sacro del giornalismo italiano, Enzo Biagi, in un seminario nazionale, "L'Espresso", (2004-05-03, p.93), da il titolo "La partita di Silvio" e inizia proprio "In prima pagina su…" come se fosse un esempio di alto giornalismo. Segue un discorso demagogico su il valore di una vita.

Il giornalismo italiano ha riprodotto la foto del padre di una vittima della guerra in Iraq accusando Bush de essere il responsabili.

Nella stampa italiana ho trovato accuse agli USA per le morti di guerra in Iraq e per la mancanza di guerra in Ruanda. Secondo un testimone prossimo da Clinton non ha evitato un genocidio di circa un milione di persone in Ruanda per l’influenza su l'opinione pubblica. Sembra che un morto americano trascinato per strada con giubilo dell popolo africano molto divulgato negli USA ha influenzato l’opinione pubblica americana e condizionato Clinton a ritirare soldati di Africa. Se Clinton non ritirava soldati di Africa ed evitasse circa un milione di morti con qualche morto americano, certamente sarebbe qualcuno ad accusarlo di quelli morti. Certamente moriva qualche americano ma forze con la morte di pochi se evitava la morte di circa un milione.

Nelle democrazie l'opinione pubblica ha un’influenza enorme nei politici. Un morto "dei nostri" in prima pagina può contare più de un milione degli "altri" che non vanno in prima pagina. Per un’etica patriottica nazionalista la morte degli altri sempre è stato simbolo di nostra vittoria. Più morti inimichi più saliva l’orgoglio nazionale. Per un'etica globale il valore di una vita umana è eguale. Per l’etica di certi "no-global" e di certa Italia il milion di morti di Saddam ha fatto meno notizia che la morte de un italiano. Le umiliazioni degli americani contro di prigionieri sono peggiori degli islamici che tagliano teste a volontari civile "occidentali". Me stupisce che un altro mostro sacro del giornalismo italiano, Eugenio Scalfaro, sostenga che se ha dato poco rilevo alle torture degli americani.

pab =panfleto anti-Berlusconi,

Certa informazione italiana è eguale alla informazione di Saddam: 100% in una direzione. Perché?
Della informazione di Saddam se sa che quando uno discordava era eliminato senza giudizio o dato in pranzo i tigri del zoo privato.
Quello che me stupisce di più è vedere un forum detto libero dove sono tutti contro Bush nella sua visita a Roma. Gli oppositori saranno nascosti da Policy? Forse come questi:
Che Guevara: torture e eroi della vecchia Italia: http://italy.indymedia.org/news/2004/05/553942.php
Berlusconi, USA, civiltà superiore e giornalismo inferiori: http://italy.indymedia.org/news/2004/05/549197.php
     PAUL GETTY E L` ORGASMO DEL SOCIOLOGO:http://joaodedeus.clarence.com/archive/038863.html#038863
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte