.
Annunci online

Ebooks di "Neo-Machiavelli" in italiano, (PiresPortugal in altre lingue) TIL=Time is Life=Tempo è Vita: Intelligenza, Creatività, Emozione, Informazione, Cultura e Volontariato (Italian Edition) Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.

 

 

Merken

 

Merken

POLITICA
27 maggio 2007
Rifiuti, politica, populismo, corruzione, incompetenza, mafia e camorra, (zapweb=zapping nel web)

La prima causa de molti disatre politici è la priorità del populismo su l'intelligenza e interesse pubblico generale.
Certe imprese pubbliche e certe politiche funzionano male perché alla volta della meritocrazia se premia la corruzione, incompetenze, clientelismo e populismo locale.

“…il governatore della Campania Antonio Bassolino, che in questi ultimi anni ha brillato per la sua inefficienza non solo nel campo dei rifiuti, ma anche nel campo della sanità, in quello del mondo del lavoro, della criminalità. … Se Bassolino,  abile nel riciclare se stesso,   dedicasse la sua abilità al riciclaggio dei rifiuti, la Campania diventerebbe un modello da additare non negativamente come ormai da anni siamo abituati a vedere… non solo su giornali e tv locali ma su grandi mezzi di comunicazione a livello mondiale, dove le prime pagine della Campania invasa dall’immondizia ormai imperversano!”

>>> Partito democratico : inizia il riciclaggio !

“Perché questo dramma della spazzatura lo vive solo la Campania, in tutta Italia?” chiede Sebastiano Messina ad Antonio Sassolino: … “la legge prevedeva la chiusura di un certo numero di discariche e la realizzazione degli impianti di termovalorizzazione. Il termine per la chiusura delle discariche è stato rispettato tassativamente, quello per la costruzione dei termovalorizzatori no. Da questa sfasatura è nato il dramma dei rifiuti".
… politica e quello della camorra; …“Non c’è cosa che puzzi di politica quanto l’immondizia partenopea. Un’emergenza costata fino ad oggi 1.825.000 euro” (Corriere della Sera, 23 maggio).
Infatti, di politica si tratta, quando la sinistra, da Bassolino a Pecoraro Scanio, per tredici anni ha scelto di non sfidare apertamente le piazze che si opponevano alla costruzione dei tanto necessari termovalorizzatori, pur di non perdere consensi elettorali. … “ecomafia”, la camorra riproduce la propria struttura fatta di operazioni, meno strategiche ma ugualmente utili, affidate alla piccola delinquenza e di un Sistema invece più ampio e organizzato. … la loro strategia si basa su una concorrenza spietata alle aziende che operano nella legalità, per cui, quando il traffico riguarda rifiuti provenienti da privati, il prezzo complessivo di smaltimento viene ridotto fino alla metà di quello di mercato, mentre, nel caso dei rifiuti solidi urbani, questo lievita in maniera esponenziale (tanto paga lo Stato).
Di tutto ciò si ha traccia nelle dichiarazioni dei collaboratori di giustizia degli anni novanta, quali Nunzio Perrella, o nei rapporti degli interventi delle forze dell’ordine (uno per tutti l’inchiesta “Re Mida” che portò ad accertare che, da febbraio 2002 a maggio 2003, 1.600 tir avevano viaggiato indisturbati dal Nord Italia per scaricare tonnellate di sostanze tossiche nei campi e nelle cave campani in via di risanamento).
Di tutto ciò si ha traccia, infine, nel Rapporto Ecomafia 2006 di Legambiente che evidenzia come il fenomeno in Campania, e in particolare nei territori di Giugliano, Qualiano e Villaricca, abbia assunto “le dimensioni di una vera e propria mattanza ambientale, con fenomeni d’incenerimento a cielo aperto d’ingenti quantitativi di rifiuti e il costante ritrovamento di discariche abusive, che quasi non fanno più notizia”.
Appunto, non fanno più notizia, o perlomeno non fino al palesarsi della prossima EMERGENZA.”
+ PICCOLO MANUALE SULL’EMERGENZA RIFIUTI IN CAMPANIA (per i lettori del Nord Italia) + di Roberta Izzo

«Non c'è cosa che puzzi di politica quanto l'immondizia partenopea. Un'emergenza costata fino ad oggi 1.825.000 euro»… La piaga dei rapporti tra certe rivolte popolari, spesso accese dalla camorra da sempre interessatissima al business delle discariche, e certi parlamentari che hanno scelto di cavalcare le proteste invitandoli a smetterla di porre «ostacolo alle scelte individuate nel decreto».
Politica è la posizione di chi come il senatore rifondarolo Tommaso Sodano, presidente della commissione Ambiente di Palazzo Madama, ha deciso di mettersi di traverso agli inceneritori teorizzando che questo movimento deve assumere l'importanza della guerra «No-Tav» in nome di un grande progetto che avvii la raccolta differenziata (progetto fino ad oggi fallimentare sia culturalmente sia amministrativamente) e spiegando che nell'attesa il pattume si potrebbe smistare in Romania. Politica è stata l'assunzione di 2.316 precari inquadrati con contratto definitivo a 2 mila euro al mese per 14 mensilità senza che due terzi, secondo lo stesso commissario all'emergenza, avessero mai «assegnata una mansione». Politica è stata per tredici interminabili anni la scelta dei commissari, primi fra tutti i governatori nazional-alleato Antonio Rastrelli e il diessino Antonio Bassolino, di non sfidare apertamente le piazze ribelli (sono voti, voti, voti) per costruire quei termovalorizzatori che in altre parti d'Italia vengono comunemente accettati dalle popolazioni anche se piazzati come a Trieste tra un prosciuttificio e uno stabilimento di caffè. Politica è la scelta ambigua del ministro dell'Ambiente Alfonso Pecoraro Scanio, che in Campania ha il bacino elettorale, di scansare ogni scelta impopolare e non lasciarsi scavalcare a sinistra da Rifondazione. Politica la veemenza con cui Vincenzo De Luca, il «podestà rosso» di Salerno acerrimo rivale di Bassolino, vuole avere il via libera a costruire lui un secondo inceneritore dopo quello di Acerra così da dimostrare che lui sì, altro che il governatore!, sa andare diritto all'obiettivo affrontando senza paura la piazza. E ancora politica è la posizione della destra, che scarica tutte le responsabilità sulla sinistra da anni al governo della Campania e di Napoli dimenticando di avere avuto fino a un anno fa, quando già l'emergenza era «tragica», la presidenza del Consiglio e il ministero dell'Ambiente. E tutta politica, infine, è la scelta degli uni e degli altri di non lavorare insieme, di non collaborare su nulla, di scaricare tutto su Guido Bertolaso in attesa che passi 'a nuttata. E si porti via la puzza dei cassonetti bruciati.”>>>
La visione di Gian Antonio Stella sull'emergenza rifiuti in Campania

Per saperne di più:

Rifiuti, mafia, camorra, politica e giustizia o stupidità? (Zapweb) 
Rifiuti, mafia, corruzione, Bossi, costi dei politici, intelligenza e populismo in politica
Rifiuti: intelligenza de Berlusconi e populismo delle piazze di certa sinistra, mafia e camorra

Intelligenza, stupidità e populismo in politica
Intelligenza e teoria della relatività della stupidità
Politica e relatività dell’intelligenza, furbizia, populismo e stupidità. Fame e adozioni, (ptv).
Associazione de Vittime de Ingiustizie, (AVI): progetto cerca collaborazione
Ecomostri, ecologia, intelligenza, stupidità, populismo e Italia vista da uno straniero,
Demolizione, Verde, Pecoraro e ecologia o stupidità?
Verdi, Vicenza, anti-americanismo, pacifismo, ecologia o stupidità?
FS, boiardi d’oro, manager d’oro, lenzuoli d’oro e servizio di merda?
I costi della politica, populismo e intelligenza visti da un “avvocato del diavolo”

Associazione de Vittime de Ingiustizie, (AVI): progetto cerca collaborazione

Per saperne ancora di più, CERCAin questo blog (colona di destra): rifiuti, intelligenza, populismo.




permalink | inviato da il 27/5/2007 alle 19:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte