.
Annunci online

Ebooks di "Neo-Machiavelli" in italiano, (PiresPortugal in altre lingue) TIL=Time is Life=Tempo è Vita: Intelligenza, Creatività, Emozione, Informazione, Cultura e Volontariato (Italian Edition) Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.

 

 

Merken

 

Merken

7 agosto 2004
Oriana Fallaci: umore nero dei comici no-global, commenti, e opinione molto discutibile

Secondo me Oriana Fallaci ha dato un grande contributo per evitare che certi barbari no-global non distruggessero Firenze come hanno distrutto Genova nel G8. Quella lettera pubblicata del "Corriere della Sera" è diventata una sfida dei no-global.

Dal "testo di uno "storico" intervento di Sabina Guzzanti nei panni di Oriana Fallaci, fatto l'8 Novembre 2003 al Social Forum di Firenze: "Fate silenzio, sennò vi stacco le palle e poi ci gioco a tennis contro il muro della Mecca!

... falsi pacifisti, che state qui giovani e belli, che vi baciate e vi abbracciate, quanto è faticoso abitare al 38simo piano di un attico di Manhattan, per non parlare dello scrivere romanzi per anni e anni senza esserne capaci, ...

Voce dal pubblico: "Che ti venisse un cancro!"
... E voi sareste no global? Ma se non avete neanche avuto le palle di sfasciare un bancomat! Siete una massa di smidollati, ..."
http://www.bengodi.org/umorismo/guzzanti/sabina_oriana_fallaci.htm

Commenti:

L'ultimo libro di Oriana Fallaci, La rabbia e l'orgoglio, esempio di malafede e di rozzezza intellettuale. Se ne parla, in maniera magistrale, è il caso di dirlo, nel blog di Lia, http://www.ilcircolo.net/lia/ : "… ho letto due libri di Michael Moore - Stupid White Men e Dude, Where is my Country? - e (giuro, me l'hanno fotocopiato) quello di Oriana Fallaci, La forza della ragione. … I rispettivi pubblici, per esempio, sono proprio antropologicamente diversi, e mi spiego.

Entrambi, Moore e la Fallaci, la fanno facile: si rivolgono a un pubblico di non lettori abituali e sono determinati a farsi capire, parola per parola, dalla casalinga di Voghera e da tutta la sua famiglia, figli piccoli compresi… il loro obiettivo è dichiarato ed esposto con abbagliante semplicità: le cose stanno andando malissimo, il mondo rischia il disastro, bisogna fare immediatamente qualcosa e la devi fare TU, lettore: ora e subito.

A partire da qui, però, le loro strade si dividono ed entrambi vanno incontro al proprio pubblico armati degli strumenti necessari per convincerlo a darsi da fare. Ed è qui che si vedono le differenze tra i rispettivi pubblici, ancora più che tra gli autori. …

A invocare il nome di Gesù o della Madonna si finiva subito giustiziati. Crocifissi, appunto, o decapitati o impiccati."

Ricordo che qualcosa di simile a questo succedeva nel Afeganistan dei Talibans al inizio de Settembre 2001, poco prime degli attacchi terroristi in USA. Una piccolissima notizia degli 8 volontari occidentali che dovevano essere condannati a morte per avere delle Bibbia è stata pubblicata in Italia però al final di pagina interne. Al contrario delle "torture" americane che hanno occupato prime pagine infinite. A questo giornalismo se applicano migliore le queste parole scrite per la Fallaci: "Questo è prendere la gente per il culo, letteralmente. Persuadere non è convincere. Persuadere è ciò che fa la pubblicità, giocando con il tuo inconscio e con le tue emozioni."

Moore … è disposto a un atto di fede, anche perchè non può fare altro. Intendiamoci: dati e fonti sono perfettamente selezionabili a supporto delle tesi di chi argomenta. Però tu, lettore, puoi esercitare su di essi un controllo diretto, sai di cosa si sta parlando. Con la Fallaci, questo è del tutto impossibile. Per tutto il libro, ad esempio, attribuisce affermazioni virgolettate a un'infinità di personaggi per farli apparire esattamente come vuole che appaiano. Tu, lettore, non saprai mai se e quando la tale affermazione fu effettivamente pronunciata, e in che contesto. Devi semplicemente credere alla Fallaci. Credere nella Fallaci. Sei un lettore completamente passivo, minorenne e un po' tonto. Il destinatario di una pubblicità.

Conclusione: "Moore sembra uno che si è divertito, nello scrivere i suoi libri, e spesso diverte anche te. La Fallaci deve averci rimesso il fegato, nello scrivere il suo… Il lettore di Moore è uno che vorrebbe stare bene, sostanzialmente. Il lettore della Fallaci esclude che ciò sia possibile: per lui, avere la testa piena di rabbie e di orgogli che fanno figli è un bene. Una cosa ammirevole".

Sembra dire Moore è buono per i buoni e Fallaci cattiva per i cattivi.

Altro comenta commento diferente:

"… palestinesi i quali mi dicevano a chiare lettere che esiste un piano dei giudei per dominare il mondo e che la fornicazione ebraico-americana deve essere fermata per la grandezza di allah. Altri invece sono stati cosi carini da gioire di fronte a me della morte dei 21 italiani a Nassiryia, dicendo che li non ci dobbiamo stare, al che gli ho risposto : se noi nin possiamo stare li a costruire ospedali, cosa ci fai tu qui a studiare? ( un po' mi pento di ciò che ho detto, lui sicuramente no).

... Ciò che proprio non condivido dell'articolo in commento, è l'antropologia del lettore di Oriana fallaci proposto dall'autrice, il definire il discorso in base all'appartenenza a un gruppo o ad un altro, da una parte i buoni, dall'altra i cattivi. Ma infondo non mi dispiace che queste parole siano state scritte, perchè sono l'ennesima testimoninza della veridicità di ciò che asserisce la Fallaci nell'ultima parte del suo libro: la sinistra italiana non è democratica, no distingue tra opinioni diverse, distingue tra buoni e cattivi, tra ciechi ed illuminati, ciò che conta non è la sostanza, è l'autorità. se parla uno che non piace al benpensante, mente, qualunque cosa dica, e mente perchè non può far altro, perchè è un farabutto criminale che parla a farabutti e criminali, che della verità non sanno che farsene, visto che il loro unico interesse è diventare ricchi e potenti, e tutto farebbero per schiacciare i più deboli ed odiare di più. Spero che l'autrice di questo articolo un po' si vergogni di ciò che ha scritto. Giuseppe Scarpino". http://www.girodivite.it/article.php3?id_article=1059

Per saperne di più:

Commenti al libro: "Oriana Fallaci intervista Oriana Fallaci"

Oriana Fallaci

"No global", "new global" "glocal" e psicologia del capitalismo, comunismo e anarchismo

Berlusconi, USA, e informazione in Italia (sondaggio)

Eugenio Scalfaro sostiene che i media dell’Occidente ha fatto censura e dato poca importanza alle torture: Torture, terrorismo, civiltà "occidentale" e informazione in Italia .

Berlusconi, superiorità della nostra civiltà e inferiorità de certo giornalismo




permalink | inviato da il 7/8/2004 alle 22:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte