.
Annunci online

Ebooks di "Neo-Machiavelli" in italiano, (PiresPortugal in altre lingue) TIL=Time is Life=Tempo è Vita: Intelligenza, Creatività, Emozione, Informazione, Cultura e Volontariato (Italian Edition) Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.

 

 

Merken

 

Merken

politica interna
17 ottobre 2005
Tg5, altro boss della Magliana libero, misteri dell’opinione pubblica e giustizia o stupidaggine?

Molti hanno parlato della cattura del “migliore” boss della Banda della Magliana Enrico Nicoletti, (1), ma solo al Tg5 ho trovato la notizia de che era di nuovo libero: Scaduti i termini, torna libero uno dei boss della Magliana … sembra averla fatta franca l'ex cassiere della banda della Magliana. Condannato con i due figli per un vecchio vizio, quello dell'usura e delle estorsioni. Ma che in questi giorni, l'uno per decorrenza dei termini, gli altri per un ritardo di trasmissione del fascicolo - sono stati scarcerati. … non poteva non suscitare polemiche e interrogativi il nuovo colpo di scena nella storia dell'l'ex usuraio di Campo dei Fiori riuscito con il suo misto di ingegno e spregiudicatezza ad aiutare un gruppo di malavitosi di borgata, la banda della Magliana, a trasformarsi in una holding del crimine capace di intrecciare legami con personaggi di primo piano di mafia, camorra, 'ndrangheta, eversione nera. E a permettere a lui stesso di accumulare miliardi su miliardi. Tanti, forse più di quei 100 miliardi di vecchie lire che lo stato gli ha definitivamente confiscato quattro anni fa. Una delle poche batoste giudiziarie in una carriera che lo ha visto passare quasi indenne oltre 30 anni di cronaca nera. Una lunga sfilza di accuse di omicidio, sequestro. Ma una sola, vera condanna, legata al suo vecchio vizio di far soldi, in un modo o nell'altro. Ma anche stavolta, in un modo o nell'altro, è riuscito a spuntarla.”

Come se spiega l’indignazione dell’opinione pubblica per la piccola condanna di un’americana per le torture in Iraq e la mancanza di sensibilità per la mancanza di condanna di un boss della criminalità in Italia? Non ha causato mille volte più sofferenza degli innocenti che “Lo scandalo delle torture nel carcere di Abu Ghraib”? O per certa cultura la sofferenza delle vittime innocenti della criminalità conta meno della sofferenza di criminali e terroristi?

Perché se è parlato cosi poco di un altro boss della Magliana, (2), che ha occupato molti poliziotti internazionali per la sua cattura e il Tribunal di Roma lo ha lasciato libero?

Una giustizia che spende 5 milione i privati per trovare illegalità nel passato di Berlusconi e lascia grandi criminali in libertà è giustizia o stupidaggine? (3)

>>> Per saperne di più, ho scritto su questo argumento:

“Romanzo criminale”, “Un posto tranquillo”, TV, opinione pubblica e la cultura mafiosa della gente per benne

Non votare Berlusconi o evitare certe informazione?

Torture, banalità di certo male, giornalismo e opinione pubblica

Panorama, L’espresso e votare Berlusconi o Prodi?

Maradona, Che Guevara, eroi, giovani di Napoli e giustizia o stupidaggine?

Giornalismo del passato presente e futuro

Giornalismo, Mani Pulite e giustizia o stupidaggine?

(1) Molti hanno parlato della sua cattura:

Avvenimenti ItalianiIl migliore era Enrico Nicoletti che, nel mandato di cattura del giudice ... I ricatti della banda della Magliana ... Il migliore era Enrico Nicoletti …

Banda della Magliana dalla A alla Z - Il cassetto ... NICOLETTI, ENRICO Uno dei personaggi meno noti e più inquietanti della saga ...

Notizie del 2003 La rassegna stampa quotidiana tratta da ... La Cassazione annulla tre ergastoli per l'omicidio del giornalista Mario Francese, confermando solo quello a Totò Riina … Sequestrati beni per 800mila euro alla 'ndrangheta calabrese … Il ministro Pisanu: col governo della Casa delle Libertà arrestati più latitanti che in tutti i governi precedenti … Calabria, Sicilia, Colombia: riprende alla grande il traffico di droga … Conferme in cassazione per l'omicidio del giudice Rocco Chinnici: ergastoli per tutti i boss più noti di Cosa Nostra … Omicidio del giornalista Giuseppe Fava: in cassazione condanne definitive per i boss Ercolano e Santapaola … Arrestato a Ciampino il boss Giovanni Bonomo, tra i 30 ricercati più pericolosi … Operazione dei carabinieri a Platì (Rc): 120 arresti, i boss conrollavano l'amministrazione comunale … Nei terreni confiscati dove lavorano le cooperative di Libera rubati di nuovo trattori e quintali di frutta … Manifestazione contro la camorra a Eboli … Arresti nel clan Mazzei, boss catanese, rappresentante dell'ala "stragista" della mafia etnea … Margherita Vallefuoco, commissario per i beni confiscati alla mafia, realizza la prima banca dati e lancia l´allarme:"Un patrimonio che va in rovina" … operazione dei carabinieri che porta all'arresto di Michele Aiello, imprenditore edile diventato manager della sanità; in manette anche Giuseppe Ciuro della Guardia di Finanza - lavorava nella Dia di Palermo - e Giorgio Riolo, in servizio alla sezione anticrimine dei Ros. Secondo l'accusa, i tre tessevano una rete di informazioni riservate e favoritismi per garantire impunità e informare i latitanti delle indagini svolte dalla Procura … la "Cupola" non è più rappresentanza di tutti i capomandamento, ma di una ristrettissima cerchia. La testimonianza di Giuffré aiuta a ridefinire l'organigramma di Cosa Nostra … Il ministro Pisanu: "Provenzano sarà catturato entro tempi ragionevoli" … Gli strascichi dello scontro politico dopo l'assoluzione di Andreotti e Badalamenti al processo Pecorelli … Il sindaco di Salerno Rosania (Rif. Com.): "Il condono edilizio aiuta le mafie" … All'Università di Palermo gli studenti di Giurisprudenza chiedono l'istituzione di un corso di "Storia dell'antimafia" … Sequestrati a Palermo beni per un valore di più di 200 milioni di euro al boss di Sferracavallo Salavatore Graziano … Palermo, arrestato un fedelissimo di Provenzano in un appartamento vicino al Palazzo di Giustizia: si tratta di Salavtore Sciarrabba, boss di Belmonte Mezzano … omicidio del sindacalista Mico Geraci. Di lui il pentito Giuffré disse: "era una mela marcia, dava troppo fastidio con la sua antimafia, e per questo è stato tolto di mezzo" … Arrestato a Roma nella sua villa Enrico Nicoletti, a capo di una vasta organizzazione basata su racket e usura … Luciano Violante, DS: con questo governo Berlusconi la mafia dorme sonni tranquilli. La frase detta in un'intervista televisiva origina polemiche politiche … scoperta banda che estorceva danaro tramite telefonate col cellulare … Chiesti quattro rinvii a giudizio per la morte di Roberto Calvi, 21 anni dopo … La commissione antimafia in Puglia. Lumia, DS: il problema del rapporto tra mafia, politica e imprenditoria esiste: grave sottovalutarlo … Il boss pentito Giuffré: volevamo uccidere Mannino (ex DC) per il suo voltafaccia … Assolto l'ex sindaco DC di Caltanissetta Maira dall'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa … Bari, il procuratore capo Marzano: i clan allo sbando assumono ragazzini-killer … Tre consigli comunali sciolti per inquinamento mafioso in Calabria … incontro tra boss nell'agrigentino … progetto di assassinare un pm … La direzione distrettuale antimafia: i boss continuano a comunicare dal carcere nonostante il 41 bis … Giulio Andreotti e Tano Badalamenti assolti in Cassazione nel processo sull'omicidio del giornalista Mino Pecorelli. Nessun riscontro per i giudici alle accuse dei pentiti… Andreotti accusa Violante di essere il mandante del teorema accusatorio che lo ha coinvolto nei processi di Palermo e Perugia, il dibattito politico è infuocato … Rapporto della Dia: 'ndrangheta più forte della mafia… Lo Forte e Scarpinato lasciano la Procura antimafia di Palermo secondo le direttive del Csm. Al loro posto Grasso nomina Roberto Pignatone. Polemiche e commenti… Il ricordo di Livatino, Giacomelli e Saetta, pm uccisi dalla mafia… Provenzano latitante da 40 anni. Il suo legale: "E' una persona per bene"… Il decennale dell'assassinio di Don Pino Puglisi. Attentato incendiario all'abitazione di uno dei suoi collaboratori… Berlusconi in un'intervista: "La magistratura comunista creò un obbrobrio giuridico che è il concorso esterno in associazione mafiosa"… Rita Borsellino: "Disgustata dalle parole di Berlusconi"… Centaro, presidente della Commissione Antimafia: occorrono nuove leggi, occorre prosciugare il fiume di denaro sporco gestito dalle mafie che condiziona l'economia… Arrestato il boss 80enne Carmelo Bono a Sciacca, Agrigento. Imponeva il 20% di pizzo su ogni fornitura edile nella zona, obbligando i costruttori a servirsi di determinate ditte… Relazione dei servizi segreti: la mafia è interessata al Ponte sullo stretto e soprattutto alla costruzione di nuove centrali elettriche… su proposta di Libera verrà apposta una stele coi nomi delle 600 vittime di mafia su un muro di una villa che apparteneva al boss camorrisa Nicoletti… Monreale e Mazara del Vallo: assegnati terreni e case confiscate ai boss … L'uccisione di Carlo Alberto Dalla Chiesa e di Emanuela Setti Carraro nel ricordo ventun anni dopo… lavori sulla Salerno-Reggio Calabria: "Hanno in mano tutto, sanno tutto, non ti puoi muovere...". Nuove indagini promosse dal pm Facciolla… Arrestato Francesco Mallardo, boss camorrista nella lista dei trenta ricercati più pericolosi in Italia… Ucciso a Villabate Antonino Pellicane, incensurato. Avrebbe fatto parte del clan Montalto deciso a intaccare il giro di affari di Bernardo Provenzano. Il PM Lari: la mafia manda messaggi... Rapporto della Dia: 'ndrangheta più forte della mafia… Il ricordo di Livatino, Giacomelli e Saetta, pm uccisi dalla mafia… Il decennale dell'assassinio di Don Pino Puglisi. Attentato incendiario all'abitazione di uno dei suoi collaboratori.

Liberazione 22 marzo 2005 Giornata contro le mafie, a Ciotti la ... "Peppino Impastato, le tue idee camminano sulle nostre gambe". Uno striscione e poi l'applauso più forte dagli 8mila giunti da tutta Italia ieri in piazza del Campidoglio per il ragazzo di Radio Aut di Cinisi fatto saltare in aria da Gaetano Badalamenti. A lui, assieme a quelli per Falcone e Borsellino, gli applausi più scroscianti alla lettura del lungo elenco delle 640 vittime della mafia … «Il modo migliore per sconfiggere la mafia è l'impegno per la legalità. Ma la mafia è ritornata alla grande, dobbiamo tirare fuori le unghie» ha detto prendendo la parola don Ciotti che ha ricordato le 154 vittime della mafia negli ultimi dieci anni …

Documentazione > Comunicati stampa > 2001 > Agenzia del Demanio ... effettive le finalità sociali ed educative conferite all'utilizzo della villa.

Sociale - Sogno che fra 10 anni Libera non ci sia più
... confiscata a Enrico Nicoletti, tesoriere della "banda della Magliana". ... In un'intervista a Famiglia Cristiana don Luigi Ciotti, fondatore di Libera, scommette sul sogno che la mafia possa essere sconfitta. … Grazie anche alla coraggiosa azione del sacerdote, è stato possibile confiscare quasi 5.000 immobili, molti dei quali sono Roma… Togliere beni, terreni, case, soldi alla criminalità organizzata e alle varie mafie che inquinano la vita degli italiani. Poi far restituire il maltolto allo Stato, alle associazioni, ai cittadini. È stata la grande scommessa di Libera, l'associazione fondata nel 1995 da don Luigi Ciotti. Con una raccolta di firme (oltre un milione), Libera è stata promotrice della legge 109 del 1996, che regola il riutilizzo a fini di sviluppo economico e sociale dei beni confiscati alle organizzazioni criminali… Fino a oggi, i beni immobili confiscati sono quasi 5.000. Di questi, ne sono già stati destinati alla collettività circa 2.500. I procedimenti di assegnazione spesso sono lenti e complicati. Ci sono ipoteche, contratti di affitto e altri ostacoli. «Almeno nel 10 per cento dei casi di confisca si tratta di beni ipotecati oppure occupati legalmente», spiega Carlo Pappagallo, vicecapo di Gabinetto del sindaco di Roma, Veltroni. … «La magistratura e le forze dell'ordine hanno fatto un lavoro straordinario.
Mi piace sottolineare che la confisca dei beni ai mafiosi e la loro distribuzione alla comunità hanno dato frutti soprattutto lì dove abbiamo incontrato bravi prefetti. Manifestazioni, cortei e fiaccolate ne abbiamo fatti tanti. Sono un segno importante, però c'è bisogno di una continuità, una coerenza e una credibilità di azione tutti i giorni nei nostri territori. Perciò dico: facciamo qualche convegno in meno e lavoriamo di più in mezzo alla gente. Bisogna avere coerenza tra il dire e il fare».

Qual è la difficoltà maggiore per chi vuole impegnarsi contro le mafie?
«La cosa più difficile è affrontare l'acqua dentro la quale nuota il pesce, cioè il mafioso. Paradossalmente potrei dire: chi se ne frega della mafia e dei mafiosi! Abbiamo visto che, se vuole, lo Stato li può trovare, arrestare, mettere in carcere. Il problema, ciò che mi fa paura, è la cultura mafiosa, la "mafiosità", il bacino d'acqua nel quale il pesce nuota. Noi dobbiamo svuotare questo bacino che è fatto di segmenti di politici, piccoli pezzi di istituzioni, alcuni imprenditori, di salotti bene che si mettono a discutere, ma poi non incidono».
E come si svuota questo bacino?
«Bisogna lavorare molto nelle scuole, con i giovani, nelle parrocchie, perché ci sia un cambiamento culturale, perché lo Stato dia come diritto ciò che la mafia dà come favore».
Che cosa prova quando vengono restituiti alla comunità o alle istituzioni dei beni appartenuti alla criminalità?
«Provo una grande gioia. Mi sembra un gesto concreto di giustizia. I mafiosi temono la confisca dei beni. La temono perché sottrae loro patrimoni, potere, immagine. Per i boss è come un enorme schiaffo vedere dei giovani che lavorano onestamente nelle loro terre. So che il grano, l'olio, le lenticchie coltivati sui terreni della mafia sono ancora piccole cose, ma sono il grande segno di un cambiamento in atto. Dieci anni fa tutto questo non c'era».
La Chiesa che ruolo ha in questo impegno? Fa abbastanza?
«Ci sono delle belle espressioni di Chiesa che sono cresciute negli anni.
Ho trovato tanti bravi confratelli con i quali ho condiviso fatiche e speranze.
Ne ho trovati anche molti soli, perciò abbiamo cominciato, con discrezione, a condividere la preghiera e la riflessione. Per l'impegno della Chiesa contro la mafia resta di esempio la voce chiara, forte, autorevole di Giovanni Paolo II ad Agrigento nel 1993. Quelle parole misero in crisi alcuni personaggi, che infatti reagirono con gli attentati alle chiese di Roma e le uccisioni di don Diana e don Puglisi. Io credo sia sempre utile il lavoro silenzioso, ma a volte serve alzare il tono della voce. Ricordiamo che non si uccide solo con le armi, ma anche col silenzio, il non dire le cose, la rassegnazione, la delega... A volte bisogna parlare di più, con più forza. Il Papa fu un esempio davvero coraggioso».

Don Luigi, faccia un sogno: come sarà Libera tra dieci anni?
… Sogno che l'Italia sia liberata da questa anomalia …

(2) Altri miei post con la parola "Emidio Salomone ":

da Berlusconi-Prodi
Giustizia: scandalo de lo scandalo che non fa più scandalo

Certe notizie mi sembrano cosi scandalose che mi sembra uno scandalo che non facciano più scandalo: Una pacca sul sedere ad una ragazza è confermata ... (continua)

da Berlusconi-Prodi
Tribunal di Roma e giustizia o stupidaggine?

Uno dei casi che mi sembrano più scandalosi degli ultimi tempi, non ha un colpevole perante l’opinione pubblica, solo ho visto una piccola notizia interna ... (continua)

da Berlusconi-Prodi
“Tribunale della Libertà” o stupidaggine? Mafia, criminalità, giornalismo, opinione pubblica …

Molte volte ho l’impressione che le forze dell’ordine lavorano per vedere tutto buttato via della stupidaggine della giustizia. Molte volte ho l’impressione ... (continua)

da Berlusconi-Prodi
Giornalismo, giustizia, criminalità e bugie o stupidaggine?

Due mesi d’indagine internazionale, un viaggio del vice capo della mobile, Bruno Failla a Copenhagen, intervento dei reparti speciali per arrestare ... (continua)

(3) Altri miei post con la parola "giustizia o stupidaggine ":

da neo-machiavelli
“Romanzo criminale”, “Un posto tranquillo”, TV, opinione pubblica e la cultura mafiosa della gente per benne.

Sembra che nel romanzo e film “Romanzo criminale” la brutalità diventa ... (continua)

da neo-machiavelli
Ladri della Posta e giustizia o ingiustizia e stupidaggine?

Decine di ladri della Posta sono stati filmati a rubare valore e distruggere lettere. Risicano 3 a 10 ani di galera, (Tg4, 2005-06-09, ore 14). Immagino ... (continua)

da Berlusconi-Prodi
Ladri di biciclette, furbi e criminali nella giustizia e cultura italiana e americana

“Ladri di biciclette” e galline, furti a Malpensa, radio delle macchine e altri ladri furbi sono viste di certa cultura popolare italiana tradizzionale ... (continua)

da Berlusconi-Prodi
Furti a Malpensa, giustizia o stupidaggine e votare Berlusconi o Prodi?

Per certa sinistra la proprietà è l’unico rubo importante, i ladri di Malpensa devono continuare a rubare perché guadagnano poco ed è il metodo giusto ... (continua)

da Berlusconi-Prodi
Offende il giudice e paga chi non ha culpa. Giustizia o stupidaggine?

Offende Berlusconi … Offende il giudice: “farsi curare alla testa”. Condannato a 2 mesi di reclusione e al pagamento mille euro. ( “La Stampa” 2005-02-27, ... (continua)

da neo-machiavelli
Giustizia secreta delle elite e stupidaggine della vecchia giustizia per il cittadino comune?

Ho sentito parlare per la prima volta solo oggi, 2005-10-01, nele programa “Forum” di R4, da una specie di “giustizia secreta” fra le elite: le due parte ... (continua)

sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte