Blog: http://neo-machiavelli.ilcannocchiale.it

Craxi: eroi o vergogna d'Italia?

Certamente il suo partito ha commesso molte illegalità. Ma esiste un partito senza illegalità? Era peggio?

Chi lo accusa de più è Antonio di Pietro. Ma nel suo proprio blog se può leggere:   

 ... niente cambierà finché la gente preferirà continuare a litigare ancora su persone e fatti di oltre 60 anni fa, invece di affrontare e cercare di risolvere i problemi di oggi... la STORIA non può essere travisata e che alle PAROLE, nostro malgrado, vengono associati dei Fatti , veramente accaduti, La onora e Le rende "storicamente e tenacemente" merito… BISOGNA PENSARE AL PRESENTE PER RISOLVERE I PROBLEMI REALI DEL PAESE CON LE NECESSARIE , INDEROGABILI E GIUSTE RIFORME .

Basta perdersi a litigare SUI FATTI DI 60 ANNI FA!

Le scrivanie dei magistrati sono stracolme di reati, illeciti, abusi, prove di corruzione e collusione a non finire, compiuti da politici, uomini di partito, ministri, senatori e deputati , amministratori che si fanno la guerra per restare sulle poltrone del potere.
Ormai la corruzione è OVUNQUE.
Ci sarà un modo per far valere la nostra onestà e la nostra forza di voler cambiare?
Loro ci ignorano e sanno alternarsi sullo schermo incuranti del nostro SCHERNO! Eppure ci dobbiamo organizzare per UNIRE le nostre energie senza disperderle.”  >>>
http://www.antoniodipietro.com/2007/01/politica_e_rete.html .
In questo post ho collocato una domanda nella speranza di essere commentata: 
Dati sul Libro "Corruzione ad Alta Velocità" di Ferdinando Imposimato: " la torta da 10.000 miliardi andava spartita per sei decimi tra i partiti, mentre il restante andava ai camorristi, ai mafiosi e ai faccendieri. Tutti i partiti in Parlamento, tranne Rifondazione Comunista e la Lega, partecipavano all’abbuffata. "…Tutti i maggiori partiti si sono divisi la torta dell’Alta Velocità di Giampiero Carbone”.
Anche Italia dei Valori? Proprio qui ho trovato: “… Lui da pacini ha preso, oltre ai 12 miliardi lire anche telefonini. Le utenze telefoniche erano intestate all'autista di pacini battaglia ma i luoghi delle chiamate non erano in svizzera, indovinate.
Nella icla e nella condotte c'era la mafia!!!! come dimostrato dallo sco al servizio di…. CORRUZIONE AD ALTA VELOCITA' DI FERDINANDO IMPOSIMATO EDITORE KOINè”.
Se questo è vero perché se è parlato tanto della presunta corruzione de Berlusconi e cosi poco de questo? Per saperne ancora di più: Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, informazione e “Corruzione ad Alta Velocità" .

Ricordo quello lavoro de “Le Iene” che mostravano perchè la TAV che in Spagna costa 9, in Francia 10 in Italia costa più de 30. Ricordo quando è iniziato tangentopoli e l’opera del metro de Milano passarono a costare la metà.

Invitto a votare e commentare questo sondaggio, anche con un semplice numero con l’ordine delle vostre priorità. Per esempio se scrivete 876 vuole dire che le vostre priorità sono per il numero 8, meno per il 7 e 6 con esclusione de tutti altri. Questo sondaggio può servire per un programma de TV in preparazione, (cerca: “ptv” in questo blog), e se volete partecipare votate 9 lasciando possibilità de contatto. 

1.     Craxi è un eroi d’Italia.

         2.      Craxi è la vergogna d’Italia.

 

3.      Craxi è un eroe d’Italia e de Europa.

4.      Craxi è la vergogna della vecchia politica corrotta d’Italia e d’Europa.

5.      Craxi è stato onorato dei principali politici d’Europa, visitato nell’esilio de Mario Soares del Portogallo con proteste dei suoi inimichi.

6.      Craxi è un eroe d’Italia, de Europa e del mondo.

7.      Craxi è stato un eroe de certa Italia anti-americana, pro-arabe.

8.      Craxi è un eroe d’Italia e della migliore politica del suo tempo.  

9.      Sono interessato a partecipare ad un programma de TV dove questo tema è trattato di forma più intelligente che populista.

10.  Altro?

Per saperne ancora di più: introdurre nella colona di destra nel quadro dove è “cerca”: Craxi, politica, civiltà, Pietro, giustizia, ptv. (“In questo blog”).

Pubblicato il 20/1/2007 alle 15.1 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web