Blog: http://neo-machiavelli.ilcannocchiale.it

Informazione e potere, intelligenza e populismo: Santoro, Travaglio, Bonolis, l’editto bulgaro,

“Nel resto del mondo sono i giornalisti che controllano i politici, in Italia è sempre il contrario. A qualcuno può non piacere la trasmissione di Santoro, ma con questo chiedere di metterci le mani su non va bene. Abbiamo conosciuto già le epurazioni della CDL. Ricordate tutti l'editto bulgaro di Berlusconi.>>> permalink

Secondo Marco Travaglio, «Se in America il giornalismo è il cane da guardia del potere, in Italia è il cane da compagnia. O da riporto.»

Mi sembra che con il governo Berlusconi sia esattamente il contrario: quello che l’era contrario diventava enorme nell’informazione, incluso nella sua.

Su “l’editto bulgaro” ho trovato su www.google.it 22.900 notizie il 2007-03-16.

Bonolis è stato considerato il personaggio più popolare della TV nel 2005 e il momento di più ascolto è stato una bugia o suggerimenti di falsità: "Basta a Berlusconi e ai politici che dicono e non fanno". Il sondaggio anti-premier arriva alle otto di sera, dalla ossequiosa RaiUno di Fabrizio Del Noce >>> Repubblica.it/spettacoli_e_cultura: Sondaggio-choc da Bonolis ...

Fare un sondaggio dove include: “Berlusconi e i politici che dicano e non fanno” è associare due concetti molto popolari per motivi psicologici ma che non corrispondano alla verità: attribuire al presidente de turno le colpe de quello che non va bene è molto popolare e lo stesso Bonolis ha detto che se fosse Prodi al governo la votazione sarebbe la stessa. Ma Berlusconi ha sempre lavorato più de qualche persona normale e non mi sembra che nessuno impresario nella storia d’Italia abbia fatto de più. Da politico ha detto che ha lavorato molto de più ed io credo che la mancanza di efficienza se debba più alle difficoltà create delle manifestazioni e dei 10.000 scioperi l’anno. Ricordo il trattamento della spazzatura che non se è risolta per impedimento dei popolari appoggiati dell’opposizione.

Travaglio ha fato fortuna scrivendo contro Berlusconi quando era al potere perché era molto popolare. Adesso è più popolare parlare contro preti pedofili in Usa. Immagino che nei regimi islamici fanno molto peggio, ma per il suo pubblico quello che è anti-americano è più popolare.

Khalid Sheikh Mohammed, “regista degli attentati dell’11 settembre, boia di Daniel Pearl, ideatore di 31 stragi e pianificatore di agguati contro Carter, Clinton, Musharraf e Giovanni Paolo II: deponendo al tribunale militare di Guantanamo Khalid Sheik Mohammed si è descritto come la mente logistica della campagna di terrore di Al Qaeda”. Immagino che questo sia molto peggio dei prete pedofili o delle torture americani ma meno popolare per il suo pubblico.

Ho visto molte volte nelle prime pagine le parole de Abu Omar contro Berlusconi.

Ho trovato su www.google.it 353.000 notizie il 2007-03-16 per Abu Omar Berlusconi.

A me sembra che molta informazione è più favorevole a terroristi che a Berlusconi.

 

Pubblicato il 16/3/2007 alle 19.2 nella rubrica PPPP-ELPPP-giornalismo del futuro.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web