Blog: http://neo-machiavelli.ilcannocchiale.it

“HO UCCISO UNA SANTA... (Suor Maria Laura)… La prigione il gioco più facile del mondo. I primi due anni sono forse stati i più belli della mia vita…”

Copertina e grande titolo di Panorama: “HO UCCISO UNA SANTA... (Suor Maria Laura Mainetti)”. E continua: “ Ma non sono il diavolo… Sedute 6 ore davanti a una birra in un piccolo bar … tutto era senza valore… quando una diceva una cosa forte, allora l’altra la diceva più grossa per stupire… La prigione il gioco più facile del mondo. I primi due anni sono forse stati i più belli della mia vita…Finalmente aveva delle regole, qualcuno che mi ascoltava, si preoccupava di me, …Mi sentivo protetta in un ambiente ovattato…”(2008-04-10, p.25-36). Veronica, una delle 3 assassine giovanissime, (16 anni), racconta la futilità del gesto quasi come se fosse una benedizione per cambiarle la vita. Assassine senza rendersi conto del valore della vita altrui: “Prima pensavo che uccidere fosse una sciocchezza”. Uscita del carcere a 25 anni vuole dimenticare tutto il passato come se niente fosse… Ha ricevuto una lettera di Erika De Nando, (altra assassina giovanissima), come se fossero amiche da sempre.
Sarà una donna ricuperata della prigione? Vittoria della giustizia? O vergogna di una civiltàMAFIOSA Più CIVILE CON ASSASINE CHE CON LE VITTIME?

 

Pubblicato il 9/4/2008 alle 14.36 nella rubrica NGF=Neo-Giustizia-Futura.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web