Blog: http://neo-machiavelli.ilcannocchiale.it

Memoria, medicamenti, elisir, attività cerebrale, tempo, creatività e intelligenza

La memoria non si migliora con medicamenti miracolosi molto pubblicizzati. Il migliore elisir è l’attività, come in tutte funzioni cerebrali o fisiche.

L’ordine favorisce la memoria. La parte emotiva e interesse è fondamentale. La comprensione aiuta la memoria. Associando numeri, emozione, idee astratte, oggetti, parole, immagine si può favorire la memoria.

Il cerebro è sempre in attività, anche quando dormiamo. Ogni informazione interagisce con quelle anteriori. (Fonte: Elisir, Rai3, 2009-01-18, 22-24).

La memoria, come ogni facoltà umana, può svilupparsi per l’uso e atrofizzarsi per la mancanza d’uso. Ma quando sviluppiamo una atrofizziamo altre? Il tempo e l’intensità di un’attività sviluppano una e atrofia altra? Memoria, intelligenza e creatività possano entrar in competizione? Il tempo per una manca per altra?

Pubblicato il 18/1/2009 alle 23.19 nella rubrica TV-PTV.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web