Blog: http://neo-machiavelli.ilcannocchiale.it

Antonio Di Pietro, Luigi De Magistris, Grillo, Toscani, fondi europei, consulenti, corruzione, marxismo culturale e v1v

Il migliore di certa sinistra è fare l’avvocato del diavolo dei consulenti della corruzione dei fondi europei per marxismoCULTURALEmafioso e v1v, (1):

“Postato da Antonio Di Pietro in Economia: Luigi De Magistris: chiarezza sui fondi europei destino dei fondi europei, … trasparenza, dell'onestà e della legalità … le somme di tutti, non solo quelle degli italiani… ingenti somme di denaro pubblico senza produrre lavoro, progresso e senza aver avuto una crescita dal punto di vista economico. Basta con i politici che fanno chiacchiere e che vanno a Bruxelles solamente per fare i propri interessi e quelli dei loro amici… comitati d'affari… Hanno condizionato l'intero sistema economico e hanno soffocato l'impresa privata libera creando un'economia che ruota attorno alla spesa pubblica, controllando tutti gli appalti, i progetti, gestendo tutte le assunzioni, controllando anche il voto e producendo, alla fine, quella che io chiamo una sorta di metastasi democratica e una corruzione sistemica davvero impressionante… “

“Gioacchino Genchi,ex consulente del pm De Magistris e' stato sospeso dalla Polizia. Lo ha reso noto lo stesso Genchi con un post sul suo blog. 'Cari amici - scrive - poco fa mi e' stata notificata la sospensione dal servizio dalla Polizia di Stato. Col provvedimento di sospensione dal servizio mi sono stati ritirati il tesserino, la pistola e le manette''.”

(1) v1v=vergogna numero 1 della vecchia Italia=mafi…a, mafla, (l=i) o mafxx, (xx=ia). Dopo leggere quello che hanno scritto Roberto Saviano, Allam, e altri giornaliste e scrittore sotto scorta, evito nominare la "grande vergogna" e evito scrivere certi nomi corretto per non entrare nei motori di ricerca da chi cerca la prossima vittima: libbera, (bb=b), Ciottti, (ttt=t) o bms, (b0ss, (0=o), maffiosi, (ff=f) scarcerati).

Pubblicato il 24/3/2009 alle 16.13 nella rubrica Neo-politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web