Blog: http://neo-machiavelli.ilcannocchiale.it

Indignato speciale, disabile speciale, Parlamento, Brunetta, Tg5, giustizia, civiltà o populismo?

Indignato speciale del Tg5 fra 13-14 ore mi sembra molte volte intelligente e giusto ma altre di un populismo italiano molto speciale. Un disabile vuole avere un lavoro e si giudica nel diritto di disturbare il Parlamento e Brunetta per darle lavoro? Un disabile speciale che passa per l’”indignato speciale” del Tg5 ha più diritti degli altri senza lavoro?

Mi fa ricordare quelle d’Alitalia che ha passato per molte TV a domandare il suo diritto al lavoro e diventata idolo dei disoccupati e precari.

Parlamento, Brunetta, politici e giustizia che danno priorità al disabile che sensibilizza più l’opinione pubblica o alla più agguerrita e più bella del “Grande Fratello” è giustizia o populismo?

Tutti disabili e senza lavoro se identificano con la sua lotta e molti credano che quella sia la sua lotta. Ma se esiste un solo lavoro sarà giusto dare per legge o per intervento speciale della TV e della politica questo lavoro al disabile e lasciare il più abile e più competente senza lavoro?

Suggerimenti per indignato speciale, TV e politica:

Stimolare la creatività e intelligenza collettiva per inventare nuove forme di lavoro, più volontariato o Neo-volontariato per quelli lavori che non sono bastante produttivi per dare lavoro con le condizioni legali ma sempre sarebbe meglio essere fati con meno rimunerazione che non essere fati e assistenza sociale pagata da quelli che lavorano ad alimentare quelli che sono senza lavoro.

Facilitare il lavoro da casa, cooperative e lavoro e in part time senza troppe burocrazie.

Una giustizia più efficiente contro nuovi crimine, web-crimine, ladri del tempo e tutti quelli che rendano difficile il lavoro onesto e socialmente utile.

Pubblicato il 27/5/2009 alle 14.13 nella rubrica TV-PTV.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web