Blog: http://neo-machiavelli.ilcannocchiale.it

Berlusconi,Obama, Bush, Mcain, psicologia, sociologia e filosofia del popolare e/o populismo pro e anti-Berlusconi

Non sempre quello che è più popolare è stupido o meno intelligente. Anche il contrario non sempre è vero. Molte volte certi fenomeni psicologici o sociologici influiscano per un giudizio stupido o meno intelligente.
Uno di questi fenomeni è l’identificazione con quello simile o con quello che se aspira a essere.
Persone stupide possano odiare Berlusconi perché è ricco e intelligente, da un’appartenenza differente della sua. Altri possano essere suoi fan perché se identificano o vogliano identificarsi con le sue qualità o suo gruppo di appartenenza.
Un caso molto curioso di populismo politico: Secondo Claudio Dematè, ("CORRIERE LABORO", 2003-07-18, P.9), Obama è stato un caso di popolarità fora del normale nel Brasile, anche se la sua politica per il Brasile era meno favorevole di quella di Bush e Mcain. Il colore della pelle e origine ha influenzato una simpatia irragionevole per Obama. Il Brasile è stato colonizzato con molti africani e la popolazione risulta molto della discendenza di africani, europei e indigeni. Da questo una simpatia per Obama, indipendentemente della sua politica essere contraria.
Ho l’impressione che Berlusconi non è popolare alla sinistra del Portogallo per ragioni psico-sociali: essendo Portogallo dei più poveri di Europa e Berlusconi il politico più ricco d’Europa origina un fenomeno d’identificazione con l’opposizione a Berlusconi.
Sarebbe interessante uno studio delle correlazioni fra ricchezza e povertà nei diversi paesi d’Europa e popolarità dei politici più ricchi.
Una questione più filosofica è sapere se questi fenomeni psicologici e sociologici contribuiscano a migliori o peggiori politiche:
A) Nelle migliori democrazie più informati la maggiore parte vota i migliori e questi fenomeni psico-sociali sono irrilevanti.
B) Più ricchi che hanno fatto fortuna in un mercato di capitalismo concorrenziale possano essere più adatti a gestire la politica e fare interessi del popolo come hanno fato con le sue imprese.
C) Ricchi fanno interessi dei ricchi e gruppi di appartenenza.
D) Altro?

Pubblicato il 31/5/2009 alle 13.44 nella rubrica Neo-politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web