Blog: http://neo-machiavelli.ilcannocchiale.it

ESB=Elite di Silvio Berlusconi: Antonio Di Pietro, Dell’Utri, Mentana, Costanzo, Antonio Ricci, Brunetta, Calderoli, Scajola, Gelmini, La Russa, Tremonti, …

Berlusconi è un genio a collocare la persona giusta nel posto giusto. Quando Antonio Di Pietro era nel migliore delle sue facoltà d’efficienza, (prima di degenerare in politico populista delle piazze di sinistra), Berlusconi lo voleva a Ministro dell’Interno. Credo che se Antonio Di Pietro non degenerava, accettava quel posto da Ministro di Berlusconi e faceva contro la mafia quello che ha fato contro Berlusconi sarebbe la migliore e più intelligente rivoluzione della storia d’Italia.

Per certa sinistra e credenti anti-Berlusconi, Dell’Utri è un mafi0so che ha servito d’intermediario fra Berlusconi e la mafia. Anche se fosse vero, se sono efficienti contro la mafia diventano per la storia d’Italia come San Paolo per la storia del cristianesimo. Berlusconi è diventato il più efficiente contro la mafia. Se questo continua e se della collaborazione Dell'Utri-Berlusconi diventano efficienti contro la criminalità poco interessa il passato. Se Berlusconi ha riciclato soldi della mafia per una TV di migliore servizio pubblico della Rai, merita una medaglia, non la galera. Se ha contratato un mafioso per difendere figli di Berlusconi quando la mafia ha sequestrato circa 1.000 bambini e famigliare dei ricchi per togliere soldi delle migliori economie e darle alla criminalità non è una vergogna per Berlusconi ma per lo Stato che non difendeva cittadini. Sembra che la peggiore accusa sia stata estorsione mafi0sa per un pagamento accordato. Ricordo che in quello periodo molti in Italia e all’estero dicevano che era migliore la mafia per avere giustizia della giustizia italiana. Ho l’impressione che Dell’Utri è stato condannato a 9 ani di galera per una presunta estorsione di un giusto pagamento e vera estorsione dei veri mafi0si è stata condannata a 3 mesi di galera.  

Mentana non era un berlusconiano, non ha mai votato Berlusconi e non le piaceva la politica di Berlusconi. Ma era un grande giornalista e per molti anni il principale dei notiziari di Berlusconi.

Lo stesso o simile per Costanzo e Antonio Ricci. 
 
Ho l’impressione che nessuno governo anteriore ha avuto elite di governo con tanta  intelligenza, creatività, efficienza e pragmatismo. Credo che molti dei più odiati di certa sinistra saranno considerati rivoluzionari della storia: Brunetta, Calderoli, Scajola, Gelmini, La Russa, Tremonti, …
Certa sinistra attuale dei credenti d’Indymedia e pab=pamphlet anti-Berlusconi sarà vista della storia come ultimi reazionari della “legalità”, ingiustizia, immoralità e stupidità della vecchia Italia.
Brunetta è odiato dei fannulloni e burocrati dell’inefficienza.
Calderoli della civiltàMAFI0SAterrorista tradizionale.
Scajola è una dei politici di Berlusconi più odiato delle piazze di sinistra, soprattutto di quelle più sinistre della distruzione di Genova nel G8, amg8=adoratori del morto del g8.
Gelmini è odiata dei vandali per non studiare, dei più incompetenti che preferiscano l’uguaglianza alla meritocrazia.
La Russa è un genio di creatività e collaborazione con elite del Governo, polizia e volontari per collocare l’esercito a migliore servizio pubblico, nelle emergenze e per la sicurezza.
Tremonti è un profeta dell’economia, dell’intelligenza, buon senso ed equilibrio fra differenti filosofie economiche.  

Pubblicato il 22/12/2009 alle 20.52 nella rubrica Neo-politica.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web