Blog: http://neo-machiavelli.ilcannocchiale.it

Pena di morte in USA, rapina in Italia, pppp e giornalismo nella TV

                Il tg1 di 2006-01-14, ha dado grande importanza ad un altro assassino condonato a morte negli USA, al contrario del altro con Bonolis non ha mezzo in dubbio la culpa del condannato, pero ha fatto molta filosofia demagogica su la barbarie crudeltà degli USA. Solo doppio senza dare grande importanza e senza nessuna filosofia ha raccontato de una rapina con una vittima da un sparo alla testa de un cliente della banca.

                Quando ho studiato giornalismo l’importanza della notizia era direttamente proporzionale alla distanzia: un bagno allagato è più importante per un condominio che un tsunami in Oriente con centenne di morti, un morto nazionale può avere più importanza giornalista nazionale che molti morti in una nazione distante.

                Al contrario de questo vedo in Italia più sensibilità per un assassino condannato a morte in USA che per una vittima innocente della criminalità.

                Per me l’informazione orienta la sua priorità pelo interesse per un mondo migliore. Quello che chiamo pppp=principio di Pires o delle priorità in piramide. Per me è evidente che con la morte di qualche criminali se possano salvare 10, 100 1000 innocenti. Per me è prioritario per un mondo migliore salvare la vita de un solo innocente che de 1000 assassini di innocenti.

PENA DI MORTE: SI, NO, COME, QUANDO E PERCHÉ

Pena di morte in primo piano da “Famiglia Cristiana” (Sondaggio) 
Pena di morti nel MCS, (sondaggio)

PPPP, giornalismo, giustizia, politica

Torture, banalità di certo male, giornalismo e opinione pubblica

Antiamericanismo della vecchia Italia
Torture, sequestri, giustizia e opinione pubblica

Pubblicato il 15/1/2006 alle 20.29 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web